Il caso del 21enne morto all’ospedale Garibaldi di Catania: attesa per l’autopsia tra striscioni e TikTok

«Giustizia per Salvuccio». Il testo è quello impresso in uno striscione, appeso in una ringhiera dell’ospedale Garibaldi Centro di Catania, per commemorare Salvo Laudani, il 21enne deceduto lo scorso 3 luglio mentre si trovava ricoverato nel reparto di Rianimazione del nosocomio etneo. Una vicenda finita sul tavolo della procura non solo per la denuncia presentata dai parenti del giovane, in cui si ipotizza il reato di omicidio colposo, ma anche per quanto sarebbe avvenuto all’interno della struttura sanitaria. Stando alla ricostruzione delle forze dell’ordine, decine di persone avrebbero preso d’assalto il reparto dopo che la notizia della morte del 21enne si è diffusa. Una presenza, come svelato da MeridioNews, poi sfociata in un’aggressione nei confronti di una dottoressa e nel danneggiamento dello stesso reparto. Tanto da rendere necessario l’intervento delle guardie giurate e del decimo reparto mobile della polizia a supporto di sei mezzi delle Volanti, già presenti sul posto.

«Ogni forma di violenza deve essere condannata ma non c’è stato nessun danno alle apparecchiature del reparto e nessuna reazione nei confronti della dottoressa», sostiene l’avvocata Stefania Amato che assiste i familiari della vittima. Il capitolo più delicato di questo caso ruota, però, attorno alle eventuali responsabilità sanitarie. Il giovane è arrivato in ospedale il 26 giugno trasportato da un’ambulanza dopo essersi sentito male mentre lavorava in un locale in cui svolgeva la mansione di banconista.

«Dopo le prime cure, Laudani è stato ricoverato, intubato e messo in coma farmacologico», spiega la legale. La situazione sarebbe precipitata il 3 luglio «nonostante le rassicurazioni dei medici ai familiari», aggiunge Amato. Adesso bisognerà aspettare il 13 luglio, giorno in cui dovrebbero essere conferiti gli incarichi per l’autopsia. Un esame irripetibile che imporrà l’iscrizione nel registro degli indagati dei medici per consentire alle parti la nomina dei rispettivi consulenti.

Laudani avrebbe iniziato a soffrire di epilessia circa sette anni fa, dopo la morte del padre Santo Laudani, avvenuta in un incidente stradale in territorio di Castelvetrano, in provincia di Trapani. Per il momento, dall’ospedale le bocche rimangono cucite. Nonostante sia emerso come alla dottoressa aggredita siano stati diagnosticati 15 giorni di prognosi. «Come è consuetudine e buona prassi quando c’è una indagine della magistratura in corso, l’azienda non ritiene opportuno rilasciare alcuna dichiarazione», fanno sapere al nostro giornale dal Garibaldi.

Per Laudani, intanto, è scattata una mobilitazione social. Decine di post su Instagram e TikTok, alcuni dei quali con pesanti insulti nei confronti del personale dell’ospedale. «Ho perso un carissimo amico per colpa dei dottori – sostiene in un videoappello un utente – Hanno scritto che amici e parenti hanno distrutto il reparto e alzato le mani (picchiato, ndr) al dottore. Lui era un fratello, io ero presente in ospedale e non è successo nulla di quanto è stato scritto. Questo ragazzo deve avere la sua giustizia». «Salvuccio è stato ucciso – si legge in un altro post pubblicato sui social insieme a una foto del ragazzo – Noi avremo giustizia, pagheranno tutti coloro che dovranno pagare. Non ti preoccupare: la tua famiglia ti ha amato, ti ama e ti amerà per sempre».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

«Giustizia per Salvuccio». Il testo è quello impresso in uno striscione, appeso in una ringhiera dell’ospedale Garibaldi Centro di Catania, per commemorare Salvo Laudani, il 21enne deceduto lo scorso 3 luglio mentre si trovava ricoverato nel reparto di Rianimazione del nosocomio etneo. Una vicenda finita sul tavolo della procura non solo per la denuncia presentata […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]