Radio Luxembourg, da Catania all’Africa

Serafino Famà e Ken Saro Wiwa, il primo avvocato, il secondo scrittore e attivista africano. Nel 1995 entrambi furono uccisi, Famà il 9 novembre e Ken Saro il giorno dopo.
L’avvocato catanese fu assassinato all’uscita dal suo studio con sei colpi di pistola. L’ordine partì dal carcere. Fu Giuseppe Di Giacomo, reggente del clan Laudani, a volere la sua morte. Secondo Di Giacomo l’avvocato era “colpevole” di aver consigliato alla moglie di un suo assistito di astenersi dal fare dichiarazioni nel processo che coinvolgeva il marito. Di Giacomo pensava di poter essere scagionato grazie alla deposizione della donna e riteneva Famà la causa della sua mancata scarcerazione visto che aveva convinto la donna a non deporre. Nella sentenza che ha condannato all’ergastolo Di Giacomo, gli autisti e gli esecutori, si legge: «il movente dell’omicidio va individuato esclusivamente nel corretto esercizio dell’attività professionale espletata dall’avvocato Famà». Insomma, Famà fu ucciso perché credeva nella giustizia, perché aveva svolto il suo lavoro fino in fondo.

Ken Saro Wiwa era uno scrittore e un autore televisivo, ma soprattutto è stato uno degli intellettuali africani più influenti. Ken Saro era un Ogoni, un’etnia minoritaria in Nigeria ma la più presente nel Delta del Niger. Negli anni Ottanta cominciò la sua lotta contro il governo nigeriano e le compagnie petrolifere che estraevano petrolio nel delta. «Accuso il governo nigeriano e le multinazionali del petrolio di genocidio e devastazione del territorio Ogoni» disse Ken Saro nella sua ultima intervista. Nel 1990 diventò leader del Mosop (Movement for the Survival of the Ogoni People) ed era riuscito a mobilitare oltre trecentomila persone che chiedevano il blocco dell’estrazione di greggio da parte della Shell. Tutto il movimento era contro il regime, corrotto e autoritario, del presidente Abacha.
In quattro anni fu arrestato tre volte, l’ultima nel 1994. Un anno dopo, il 10 novembre, mentre i nigeriani festeggiavano la vittoria della loro nazionale nella Afro-Asian cup, Ken Saro fu impiccato, insieme ad altri otto attivisti del Mosop. Il processo a cui fu sottoposto Ken Saro suscitò numerose perplessità e critiche da parte di molte organizzazioni umanitarie. In molti tentarono di difenderlo cercando di dimostrare il coinvolgimento della Shell nell’esecuzione di Ken Saro. Ci riuscì Jenny Greene, avvocato di New York, che avviò una causa contro la multinazionale del petrolio. Nel 2009 la Shell pagò un risarcimento di 15 milioni e mezzo di dollari sostenendo di averlo fatto «anche se Shell non ha partecipato alle violenze che sono avvenute, però ci sono dei querelanti e delle persone che hanno sofferto». Nonostante le dichiarazioni della multinazionale sono in molti a pensare che c’erano documenti che dimostravano la violazione da parte di Shell dei diritti umani. Per l’avvocato Greene «l’accordo è sostanzialmente un’assunzione di responsabilità».
Prima di morire Ken Saro disse: «Il Signore accolga la mia anima, ma la lotta continua». Pare che la sua preghiera sia stata ascoltata.

Le storie dell’avvocato Famà e di Ken Saro Wiwa non saranno le uniche che verranno raccontate nel prossimo appuntamento di Radio Luxembourg. Altri due racconti completeranno la trasmissione: la storia di un noto modo di dire che affonda le radici nelle mitologia greca e di Born in the Usa, canzone di Bruce Springsteen.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]