Punta Bianca, la collina cede sotto i colpi dei militari Croce: «Spostare poligono? Nessun Comune lo vuole»

A Drasy, a cavallo tra i territori di Agrigento e Palma di Montechiaro, appena sopra Punta Bianca, si continua a sparare. Qui la brigata Aosta dell’esercito italiano, da oltre mezzo secolo e per otto mesi all’anno trasforma l’area in un campo di guerra. Periodicamente sulla statale 115 sfilano incolonnati carri armati e mezzi corazzati: tutti diretti al poligono militare. A documentarne le attività, da anni, è l’associazione Mareamico di Agrigento che più volte si è riunita con gli ambientalisti di Legambiente, Wwf e Marevivo. Quest’ultima associazione, nel 1996, ha avanzato la proposta alla Regione di trasformare la zona di costa in riserva naturale annettendo anche il perimetro di Drasy con il conseguente trasferimento dei soldati in altra sede. 

Dal canto suo, la politica, attraverso l’assessorato ai Beni culturali e ambientali, nel 2001 si è limitata a emanare un decreto di immodificabilità dichiarando il sito «di notevole interesse pubblico». Nel testo, pubblicato in Gazzetta ufficiale, viene descritto in maniera minuziosa l’intero tratto che da Agrigento conduce a Palma di Montechiaro: «Il contrasto cromatico tra il blu del mare limpido ed il bianco dei trubi che protendono verso esso, quasi modellati dall’azione scultorea della natura, costituisce un segno di grande rilievo estetico-percettivo», si legge.

Da allora, però, alle parole sono seguite pochi fatti, con Drasy che ha continuato a ospitare le esercitazioni. Attività che, secondo gli ambientalisti, danneggerebbero in maniera irreparabile l’ambiente. Ed è di poche ore fa l’ultimo video con cui Mareamico denuncia l’erosione della costa. «La fragile collina continua a sgretolarsi e scivolare in mare – denuncia il presidente di Mareamico, Claudio Lombardo -. Le ripetute esplosioni e le conseguenti forti vibrazioni nel poligono di tiro dell’esercito hanno indebolito la collina e sono la causa dei continui crolli». Da parte di Lombardo, poi, una critica nei confronti della Regione accusata di «rimanere immobile nonostante anche il ministero l’abbia sollecitata a trovare una soluzione».

Il riferimento va alle parole pronunciate, ormai tre anni fa, dal sottosegretario alla Difesa, Gioacchino Alfano, che invitò la Regione a individuare un’area alternativa «cercando di contemperare le esigenze addestrative con gli aspetti che attengono all’impatto ambientale». Proposito che anche oggi viene ribadito dall’assessore regionale all’Ambiente Maurizio Croce. «Siamo alla ricerca di un luogo che possa sostituire Drasy ma non è così facile – dichiara a MeridioNews -. I motivi sono tanti: dalla grandezza del sito alla indisponibilità dei Comuni limitrofi ad accogliere la presenza dei militari». Alle comunità, infatti, non andrebbe alcuna forma di indennizzo. «Anche se si trattasse di aree demaniali, non si potrebbe imporre l’istituzione di un poligono con tanta facilità», prosegue l’assessore. Che poi sottolinea come comunque una soluzione provvisoria fosse stata pensata: «Avevamo stabilito che esercito e ambientalisti dovevano incontrarsi per fare coesistere il poligono con l’ipotesi della riserva naturale, attraverso una nuova perimetrazione del sito, ma non mi risulta – conclude Croce – che alla fine si sia arrivato a qualche risultato». 

A smentire la versione è però Mareamico. «L’accordo e la proposta è stata trovata e inviata agli uffici dell’assessorato, abbiamo le prove. Se poi il governo non ha fatto nulla è un discorso diverso che non dipende di certo da noi», conclude Lombardo.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]