Protesta a Palermo - Viale delle Scienze

Protesta caro affitti in Sicilia, tende davanti alle università: «Aumenti oltre il 15 per cento e poche case dello studente»

Affitti e libri in aumento, difficoltà a trovare casa, necessità di maggiori investimenti sulle residenze pubbliche. Questi i problemi più rilevanti che stanno mettendo in difficoltà gli studenti universitari anche in Sicilia, i quali hanno iniziato a cercare un alloggio già a partire da dopo Ferragosto ma spesso senza esiti positivi. Una mobilitazione sul tema, partita ieri da Roma, che sta coinvolgendo tutte le sedi del sindacato studentesco Udu (Unione degli universitari) in oltre 25 città. Da Palermo – dove ieri si è tenuta la protesta in viale delle Scienze – la rappresentante Udu e CdA Ersu, Irene Ferrara, racconta a MeridioNews che c’è un aumento del 18 per cento del caro affitti nel capoluogo siciliano rispetto allo scorso anno.

«Le residenze universitarie non bastano. Ci sono problemi che la Regione non vede nonostante glieli si faccia notare». Per questo l’impegno del sindacato continua affinché si riesca a ottenere un confronto concreto, ora con maggiore urgenza sul fronte affitti dove «i privati stanno approfittando delle condizioni dei fuori sede alla ricerca disperata di un alloggio», fa notare Ferrara. Inoltre, il sindacato chiede l’intervento dei vertici regionali affinché si possano incrementare le disponibilità delle residenze universitarie: due gli hotel tra Palermo e Trapani con tutti i requisiti per farle diventare tali: «Sarebbero già pronte per ospitare gli studenti, manca solo il via libera della Regione», conferma la rappresentante Udu. La protesta di ieri, a differenza di quella nazionale che dura tre giorni (fino a mercoledì 26), ha portato al raggiungimento dell’obiettivo sperato, cioè quello di sensibilizzare gli studenti sul tema del caro affitti. Una ventina le adesioni da parte del sindacato degli studenti. «Ieri passava gente che ci chiedeva il perché delle tende. Pensavano che fossimo senza casa quando c’è gente che davvero non ha un tetto. Questo vuol dire che la mobilitazione ha funzionato», conclude Ferrara indicando anche la presenza di una commissione sul caro affitti che «tuttavia i problemi li analizza e basta, non ha gli strumenti per risolverli».

Anche a Messina l’Udu si sta mobilitando affinché si trovino delle soluzioni al caro affitti che nella città dello Stretto, stando al report di Immobiliare.it, è aumentato del 15 per cento rispetto al 2022. Il rappresentante Damiano Di Giovanni racconta a MeridioNews che domani verrà fatto un sit-in con le tende e le valigie. Queste ultime invitano a una riflessione sul fatto che molti sono costretti ad andare via. Tante le rinunce alle iscrizioni che vengono fatte dagli studenti poiché non riescono a far fronte a tutti i costi. «Lanceremo un appello per l’uso dei fondi Pnrr – dichiara Di Giovanni – che devono essere riservati agli aventi diritto e non investiti in residenze private. Zero risposte dal governo, dalla Regione e dal Rettore». Mentre, per quanto riguarda i nuovi posti in arrivo all’hotel Liberty e all’hotel Riviera, si tratta di «un buon segnale sebbene sia una goccia nell’oceano rispetto al numero di domande», aggiunge il rappresentante messinese.

L’Udu chiede un tavolo affinché vengano riaperte le strutture pubbliche e, in particolare, la casa dello studente in centro. «Chiusa da oltre 20 anni con all’interno ulteriori 200 posti letto fantasma. Le istituzioni non ci devono prendono in giro come è stato fatto in passato: dal 2020 si parla della casa dello studente ma, nel frattempo, sono trascorsi quasi quattro anni e ancora non vediamo risultati», conclude Di Giovanni. Dopo Palermo e Messina, la protesta interesserà anche Catania ma a partire dalla prossima settimana affinché possano essere coinvolte quante più categorie possibili. Lo dichiara il rappresentante Udu Damiano Licciardello. Nella città è stato aperto lo sportello per il diritto allo studio con il Sunica venerdì dalle 15 alle 17, al civico 29 di via Reclusorio del Lume. «Forniremo assistenza agli studenti cercando di aiutarli nella scelta dell’alloggio e nella stipula del contratto», afferma Licciardello. Quest’ultimo, inoltre, fa sapere che «verrà chiesto un incontro con il Rettore affinché si trovino delle soluzioni a breve o medio termine e si riescano ad avere aggiornamenti sui campus universitari».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]