Calcio: la promozione del Villaggio San’Agata, un risultato che non è soltanto sportivo

Sacrificio, costanza, talento e senso di appartenenza. Può essere descritta così l’impresa realizzata dai ragazzi del Villaggio Sant’Agata, che domenica al Nuccio Marino di Belpasso hanno vinto la finale play off di prima categoria contro il San Pietro Calcio conquistando così il salto in Promozione che si attendeva da tre stagioni. Un traguardo che merita la massima attenzione perché rappresenta un successo non solo sportivo. 

Tutti per uno, uno per tutti

Nel calcio moderno fatto di budget faraonici, ingaggi esorbitanti, di giocatori a volte più capricciosi che talentuosi, continuano, per fortuna, a potersi raccontare storie come quella appena scritta dai ragazzi del presidente Salvo Rapisarda e dai suoi due allenatori Andrea Ragonese e Antonio Costa. I loro ragazzi sono di tutte le età, il più over è il 44enne capitano Daniele Spataro, e non percepiscono un euro per giocare, anzi, sono loro ad autotassarsi per pagare i campi dove la sera, dopo una giornata di lavoro, si incontrano per allenarsi e preparare al meglio le sfide della domenica. Giocano e lottano per difendere la loro identità, per un senso di appartenenza che oggi sembra essere una rarità. Storie come questa inevitabilmente ci riportano indietro nel tempo, facendoci riassaporare il bello dello sport e dei valori che esso dovrebbe sempre trasmettere. «Sono orgoglioso di quanto hanno fatto i miei giocatori – ha detto il presidente Rapisarda – nel corso di tutto l’anno. Sono stati capaci di centrare un obiettivo non certo facile, anche in considerazione delle tante difficoltà, specialmente logistiche, che quotidianamente si devono affrontare.  Anche la partita di domenica non era facile. Avevamo solo un risultato a disposizione e ci siamo riusciti grazie allo spirito di squadra che abbiamo»

Progettualità

Una famiglia, questo è l’Asd Villaggi Sant’Agata, nata nel 2016 dalla scissione con il TuttoCatania. Una scelta voluta dal presidente Rapisarda e che si è dimostrata subito indovinata. «Dal momento della fondazione del club – ha proseguito – abbiamo centrato tre promozioni consecutive che ci hanno portato dalla 3ª categoria alla Promozione conquistata nei play off (sorride, ndr) grazie al mio rigore siglato al 120’.  Ma non è stato sempre tutto semplice. Negli anni successivi, tra Covid e altre problematiche, abbiamo deciso di non partecipare al torneo e tornare a disputare quello di 1ª categoria. La scorsa stagione ci siamo salvati passando dai play out, quest’anno, invece, abbiamo chiuso il campionato al quarto posto che ci ha permesso di giocare gli spareggi prima contro l’Aci Galatea e poi contro il San Pietro Calcio. Si è scritta una pagina importante della storia del nostro club, ma non sarà l’ultima».

Le menti

A guidare i giocatori del club bianco-rosso-blu sono stati due tecnici molto legati al territorio: Andrea Ragonese e Antonio Costa. Due personalità completamente diverse, il primo più emotivo e sanguigno, il secondo pacato e riflessivo. Un mix perfetto, che ha consentito una convivenza pacifica e prolifica che ha rappresentato uno dei segreti di questo successo. «Nonostante abbia 30 anni, alleno da 8 e con quello di domenica sono al quinto campionato vinto – ha commentato Ragonese – Il risultato ottenuto in questa stagione mi inorgoglisce molto. Prima del match avevo un solo timore, quello della delusione che avrebbero provato i ragazzi in caso di sconfitta. Non avrebbero meritato di vivere una delusione del genere perché qui si mastica calcio dalla mattina alla sera. Lo scorso anno sono subentrato nel finale di stagione per dare una mano ad Antonio (Costa, ndr). L’anno prima, infatti, non potevo garantire la mia presenza perché da qualche anno ho cominciato un progetto coi ragazzi di San Cristoforo. Grazie alla società Ardor Sales sto insegnando calcio e alcuni di loro stanno avendo delle chance importanti con club di serie A e B. Magari in futuro qualcuno di questi giovani talenti indosserà la maglia del Villaggio Sant’Agata». 

Altra anima del club è Costa. Insieme a Ragonese il suo contributo è stato fondamentale per tenere unita la squadra e dare le giuste indicazioni, non solo tecniche, ai giocatori. Un tecnico preparato che vede nel progetto Asd Villaggio Sant’Agata molto di più di una squadra di calcio. «Da sempre – ha dichiarato l’allenatore – lo sport è uno strumento fondamentale per trasmettere valori positivi ed essere un esempio di comportamento per i più giovani. Riuscirci oggi è molto difficile perché i modelli che vengono pubblicizzati non sono sempre i migliori. Questo gruppo di ragazzi che ha conquistato il salto di categoria, invece, ha dei valori e un senso di appartenenza fuori dal comune. Fanno enormi sacrifici per allenarsi e quando scendono in campo danno tutto quello che hanno per difendere la maglia che indossano. Una maglia che per loro rappresenta il loro quartiere, la loro identità, la loro cultura. Cosa succederà ora? Bella domanda. La cosa più difficile è riuscire a trovare i fondi necessari per disputare dignitosamente la prossima stagione. Per ora siamo stati aiutati da alcune attività commerciali del quartiere, ma per il prossimo anno servirà molto di più. Quindi la mia speranza è che gli imprenditori del territorio capiscano l’importanza di quanto si sta facendo qui e diano una mano concreta per sostenere e far crescere ancora di più questo progetto. Cosa mi ha emozionato di più quest’anno? Avere vinto questo campionato con al mio fianco Andrea Ragonese, professionista e uomo eccezionale. La sua esperienza e il suo modo di essere sono stati fondamentali per consentirci di fare il salto di qualità».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]