Processo Scieri, un imputato «si sbatteva la testa contro il muro». Testimone: «Seppi della morte il giorno prima»

«Si sbatteva la testa contro il muro»

«Dopo il fatto di Scieri, Panella passava tutti i giorni da me al casermaggio. In diverse occasioni gli vidi fare una cosa strana: si metteva in un angolo e si sbatteva la testa contro il muro, ripetutamente ma non con tanta violenza. Pensai che lo facesse come per dire: “Che cosa ho combinato?”». A raccontare questo episodio che vede come protagonista uno degli imputati, durante l’ultima udienza del processo con rito ordinario per l’omicidio volontario aggravato del parà siracusano Emanuele Scieri, è stato l’ex caporale Stefano Ioanna. Il testimone che per tre volte non si era presentato nell’aula del tribunale di Pisa e che, l’ultima volta, non si era fatto nemmeno trovare in casa alle 6 del mattino dai carabinieri che erano andati a prenderlo dopo che nei suoi confronti era stato disposto l’accompagnamento coatto.

La difesa: «Malattia? Problemi sentimentali? Preoccupazione per il calcio?»

È stato lui stesso a spiegare che dietro ci sarebbero state soltanto questioni di carattere economico, cioè la difficoltà di affrontare le spese per i viaggi. In effetti, Ioanna alla commissione parlamentare d’inchiesta sul caso aveva dato informazioni importanti sul clima che si viveva all’epoca in caserma riferendo anche di precisi «atti di sopruso» da parte di Alessandro Panella. L’ex caporale che, nel procedimento riaperto a più di vent’anni di distanza dai fatti, è imputato insieme a Luigi Zabara. Che ieri per la prima volta non era presente in aula. Nel processo con rito abbreviato, invece, sono stati assolti in primo grado il sottufficiale dell’esercito Andrea Antico per lo stesso reato e gli ex ufficiali della Folgore Enrico Celentano e Salvatore Romondia che erano accusati di favoreggiamento. La procura ha fatto appello. In merito alla ricostruzione di Ioanna sull’episodio di Panella è intervenuto il suo difensore Andrea Cariello per chiedere se quel gesto non potesse essere riconducibile ad altre questioni: «Sa se avesse una malattia, problemi ai denti, problemi sentimentali o se fosse preoccupato per la sua squadra di calcio che andava male?». Dal testimone solo risposte negative.

«Ho saputo il giorno prima della morte di un ragazzo»

Emanuele Scieri è stato ritrovato cadavere da quattro commilitoni sotto la torretta di asciugatura dei paracadute all’interno della caserma Gamerra di Pisa il 16 agosto del 1999, tre giorni dopo la sua morte. Così è sempre stato ufficialmente ricostruito nel corso di questi quasi 23 anni. Adesso, però, l’ex militare Davide Albignani, che all’epoca era assegnato all’armeria, ha riferito di averlo saputo il giorno prima. «Al mio rientro da un libera uscita, il 15 agosto poco prima del contrappello, ho incontrato Daniele Ceci che mi ha dato la notizia della morte di un ragazzo all’interno della caserma». Una circostanza che, nel corso della stessa udienza, è stata smentita dall’ex caporale in questione che sostiene di non averlo saputo a Ferragosto (ma l’indomani) e quindi di non avere potuto informare nessuno, nemmeno Albignani. Di recente, nel corso delle indagini della procura, i due erano già stati messi a confronto. Il primo aveva fatto la stessa dichiarazione ma Ceci ha raccontato che «quando siamo usciti, gli ho chiesto conto e ragione di quello che aveva detto. E fuori, nel parcheggio, mi ha detto: “Dovevo fare un nome e ho fatto il tuo“».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

«Si sbatteva la testa contro il muro» «Dopo il fatto di Scieri, Panella passava tutti i giorni da me al casermaggio. In diverse occasioni gli vidi fare una cosa strana: si metteva in un angolo e si sbatteva la testa contro il muro, ripetutamente ma non con tanta violenza. Pensai che lo facesse come per […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]