Uccise il suo cardiologo per il certificato della patente, rinviato a giudizio. «Mi sono sentito preso in giro»

È stato rinviato a giudizio per omicidio aggravato e detenzione di arma clandestina il bidello 47enne Adriano Vetro che, a novembre del 2022, uccise il suo cardiologo 62enne Gaetano Alaimo. Un delitto compiuto nell’ambulatorio medico di Favara, nell’Agrigentino, con un colpo di pistola sparato alle spalle al dottore che non gli aveva rilasciato un certificato necessario per il rinnovo della patente. È stato il giudice per l’udienza preliminare del tribunale di Agrigento Iacopo Mazzullo a disporre il rinvio a giudizio per il collaboratore scolastico che aveva confessato di avere ucciso il cardiologo. «Ha atteso che il medico arrivasse nel suo studio per ucciderlo sparandogli alle spalle e lo ha fatto con premeditazione e per futili motivi». Sono queste le motivazioni con cui la pm Elenia Manno ha chiesto e ottenuto l’approfondimento dei fatti in dibattimento.

L’autopsia, fin da subito, ha messo i primi punti fermi sul delitto: un solo colpo di pistola, esploso alle spalle di Alaimo, che ha perforato polmone e aorta. Così è morto il medico ucciso da un suo paziente che, stando a quanto ha dichiarato, si sarebbe sentito «preso in giro» dai ritardi nel rilascio di un certificato medico indispensabile per il rinnovo della patente. Oltre alla piena confessione di Vetro, secondo quanto si evince negli atti, gli indizi a suo carico arriverebbero dalla testimonianza dell’addetta alla reception dello studio medico, che ha assistito alla scena, e dalle immagini dell’impianto di videosorveglianza che hanno immortalato il bidello allontanarsi dalla struttura sanitaria. La difesa ha sostenuto che l’imputato soffre di problemi psichiatrici. Una questione che potrebbe essere approfondita durante il dibattimento. Il giudice, però, ha rigettato la richiesta di perizia formulata nel corso dell’udienza preliminare dal legale di Vetro. Il 47enne che, al momento, si trova detenuto nella casa circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto (in provincia di Messina) dove c’è un reparto di salute mentale.

I familiari della vittima, rappresentati dall’avvocato Giuseppe Barba, si sono costituiti parte civile e lo stesso ha fatto anche l’ordine dei medici dando mandato all’avvocato Vincenzo Caponnetto. Il difensore dell’imputato, l’avvocato Santo Lucia, non ha ottenuto il giudizio abbreviato in quanto precluso da una recente legge per i reati puniti con la pena dell’ergastolo. Il giudice per l’udienza preliminare ha disposto il rinvio a giudizio, davanti alla Corte di Assise. La prima udienza del processo è stata fissata per il 22 giugno.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

È stato rinviato a giudizio per omicidio aggravato e detenzione di arma clandestina il bidello 47enne Adriano Vetro che, a novembre del 2022, uccise il suo cardiologo 62enne Gaetano Alaimo. Un delitto compiuto nell’ambulatorio medico di Favara, nell’Agrigentino, con un colpo di pistola sparato alle spalle al dottore che non gli aveva rilasciato un certificato […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]