Porto Ognina, polemica su lavori per la passeggiata Residenti: «Il sindaco ha dimenticato chi l’ha ideata»

Il molo Sud del porticciolo di Ognina diventerà una grande passeggiata con accesso da viale Artale Alagona, all’altezza della torretta di avvistamento normanna. Sarà «un’area con aiuole e una pavimentazione artistica in pietra lavica», come ha dichiarato ieri il sindaco di Catania Enzo Bianco nel corso di una cerimonia per la consegna dei lavori alla ditta vincitrice dell’appalto, la Edil Aurora Strade di Favara. «Ci impegniamo insieme all’azienda a consegnare i lavori prima della scadenza contrattuale, entro Pasqua 2017», ha detto il sindaco. 

Secondo il cronoprogramma del cantiere – che costerà complessivamente 198mila euro, dei quali 129mila oltre iva andranno all’azienda appaltatrice – i lavori devono terminare dopo 180 giorni dalla consegna, esattamente il 5 di giugno. Ma per il primo cittadino e l’assessore ai Lavori pubblici Luigi Bosco basteranno poco più di quattro mesi – la domenica di pasqua sarà il 16 aprile – per realizzare «un’area a verde da trecento metri quadri delimitata da sedute, con aiuole. pavimentazione di pietra lavica, un impianto di illuminazione e uno di irrigazione automatizzato». La passeggiata servirà infine anche come accesso privilegiato al solarium che ogni estate viene costruito a ridosso del molo.

«Si tratta di uno splendido progetto. Peccato che il sindaco abbia dimenticato di citare perché è così splendido: lo hanno voluto e ideato i residenti», spiega il vicepresidente del Consiglio comunale Sebastiano Arcidiacono, anche lui presente all’inaugurazione. Il progetto, come evidenziato nel bando di gara pubblicata sul sito del Comune, è stato definitivamente messo a bilancio dalla Regione con decreto del 24 dicembre 2014. «L’idea è totalmente finanziata dalla Regione Siciliana – spiega Arcidiacono -, ma più interessante è sapere come è stato ottenuto: grazie all’interessamento diretto dei membri del comitato dei festeggiamenti della madonna di Ognina, che hanno inviato un lavoro già pronto nel 2011 al presidente della Regione Raffaele Lombardo, con il quale avevano avuto modo di parlare proprio durante i festeggiamenti», racconta Arcidiacono. Il vicepresidente del Consiglio comunale aggiunge anche un altro dettaglio: «L’intero progetto è ad opera di un ingegnera che ha lavorato gratuitamente, Serena Baldanzini, e poi è stato ripreso dagli uffici tecnici del Comune per poter indire la gara», aggiunge il consigliere. 

«L’ingegnera
 che ha elaborato il piano gratuitamente è mia nuora, mi sarei aspettato una citazione pubblica almeno da parte del sindaco», afferma Pippo Testa, residente nella zona, proprietario di una imbarcazione ormeggiata al porto e membro del comitato che ha proposto l’iniziativa all’allora presidente della Regione Lombardo. «Senza il presidente non avremmo concluso nulla. Bastava solo un ringraziamento, sia per mia nuora che per Lombardo», prosegue Testa. 

E sul rapporto con l’ex governatore precisa: «C’era semplicemente un buon rapporto con Lombardo: bastava chiamarlo a lui rispondeva. E la cosa è stata fatta. Senza voler dire “quel politico è buono, e questo no”, bastava appunto un ringraziamento». Testa si dice comunque soddisfatto dell’avvio dei lavori. «Come i catanesi sanno – prosegue Testa – è un luogo splendido, e la passeggiata servirà a tutti, non solo a chi vorrà portare dei fiori alla statua della Madonna che si trova alla fine del molo. Superato il disappunto della mancata citazione «vogliamo che vengano eseguiti i lavori senza ulteriori polemiche, che si finiscano a Pasqua o dopo, l’importante è che si facciano», conclude Pippo Testa.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]