Piana di Catania, arance vendute a otto centesimi «Non si recupera nulla, meglio abbandonare tutto»

«Un chilo di arance vendute a otto centesimi. Questo il prezzo di mercato che c’è in giro nel nostro territorio. Così non recuperiamo neanche le spese sostenute. Meglio abbandonare tutto». Si tratta dell’amaro sfogo di un gruppo di produttori agricoli dell’hinterland catanese che, scoraggiati per l’andamento del mercato degli agrumi, hanno chiesto alle autorità locali e ai sindacati di categoria di intervenire per trovare assieme una soluzione per evitare il totale disastro della campagna, ormai quasi del tutto compromessa. 

«Francamente sono stanco di vedere i miei sacrifici mandati al macero», dichiara Giuseppe Caponnetto, produttore e proprietario di alcuni fondi a Gerbini, nel territorio di Paternò. «Ho trovato una intesa di massima con un commerciante – spiega – ci siamo accordati per nove centesimo al chilo; preferisco vendere subito prima di non riuscire a piazzarli. Li vendo ma non so sinceramente se riesco a coprire le spese sostenute. Forte la tentazione di mandare tutto a quel paese». Concetto ribadito da un altro imprenditore, Carmelo Rapisarda, il quale si ritrova delle proprietà in zona Rotondella, nel Comune di Belpasso. «Ho speso migliaia e migliaia di euro; cosa prenderò in cambio? – si chiede – Spiccioli, un fico secco». Secondo il produttore «il mercato è inflazionato da prodotti agrumicoli provenienti da Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, i cui prodotti sono dal punto di vista della qualità inferiori ai nostri». Di chi sono le responsabilità? «La colpa è un po’ di tutti – dice Rapisarda – nostra come produttori che andiamo avanti in solitudine; le istituzioni locali i cui rappresentanti non battono i pugni per difendere i nostri prodotti, per arrivare alle deputazioni regionali e nazionali che sembrano sorde alla realtà del nostro territorio». Il commerciante è scoraggiato. «Devo ancora vendere le mie arance. Ho avuto contatti con qualche commerciante. Il prezzo varia dai sette ai dieci centesimi al chilo». 

La grave crisi agrumicola è stata portata al centro dell’attenzione da tre consiglieri comunali di Paternò, Salvatore FallicaEzio Messina e Ivan Furnari. I rappresentanti hanno raccolto le denunce degli agrumicultori locali evidenziando il fatto che il commercio e la raccolta sono fermi «a causa dei livelli bassissimi dei prezzi alla produzione che non consentono alcuna remunerazione rispetto ai costi di produzione e di trasporto – sottolineano – L’arrivo sul nostro territorio di arance e olio d’oliva da fuori, spacciati e commercializzati per prodotto tipico siciliano da alcuni operatori locali, assume contorni drammatici per l’intera economia del nostro territorio». I tre consiglieri sostengono di non poter «abbandonare imprenditori che ogni anno investono tanto lavoro e soldi nelle coltivazioni agricole, dando lavoro a migliaia di persone, alimentando una filiera produttiva che è il vanto della Sicilia». Infatti, tutto ciò «rischia di compromettere irrimediabilmente la produzione di migliaia di ettari di coltivazioni e fare precipitare il settore in una crisi irreversibile, nonostante nel corso degli anni siano stati promossi interventi per il riconoscimento di produzioni tipiche di pregio a denominazione di origine». 

I tre consiglieri comunali hanno invitato il sindaco paternese Mauro Mangano e la presidente del consiglio comunale Laura Bottino ad attivarsi in modo urgente per tutelare i produttori agricoli coinvolgendo in una iniziativa coordinata i sindaci dei cosiddetti Comuni agrumetati. Da qui alcune proposte che Fallica, Messina e Furnari ritengono utili. «Attivare una serie di finanziamenti regionali e altri atti a ritirare la produzione di frutti di minore qualità sul mercato a un prezzo a partire da 20 centesimi, in modo di dare respiro ai produttori – elencano – Destinare tali frutti per distribuzioni e assaggio nei luoghi di arrivo dei turisti e viaggiatori, oppure nelle mense ospedali, case di riposo. Spingere i consorzi di tutela degli agrumi come l’Igp arancia rossa di Sicilia e il distretto degli agrumi di Sicilia come le dop dell’olio extra vergine a uscire dall’anonimato, svolgendo in realtà il ruolo di tutela e promozione dei nostri prodotti tipici in Italia e all’estero».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

La crisi del settore sta mettendo in ginocchio le aziende dell'hinterland. I costi di produzione non sono coperti dai prezzi che il mercato impone. «Sono stanco di vedere i miei sacrifici mandati al macero», lamenta un imprenditore. Tre consiglieri comunali di Paternò invitano i sindaci del territorio a un'azione coordinata

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]