Petrosino, ripresi mentre abbandonano rifiuti in strada «In 10 giorni 30 multe, così il porta a porta funziona»

Prima i fari dell’auto, poi un uomo che scende velocemente dalla macchina, lascia rotolare giù un grosso sacco di spazzatura, fa inversione di marcia e va via. È la scena che ha immortalato una delle telecamere del Comune di Petrosino, in provincia di Trapani, piazzate nei luoghi dove è frequente il formarsi di microdiscariche a causa delle cattive abitudini dei cittadini. «Buttate i rifiuti dove e quando vi pare, vi raccomando. Altri 600 euro da incassare e, se occorre, segnalazione alla Procura della Repubblica per reati ambientali. Continuiamo così che la vinciamo noi questa guerra». Sono le parole con cui il sindaco Gaspare Giacalone ha accompagnato la pubblicazione del video. «Come ammonimento per chi non rispetta le regole».

Nel piccolo Comune del Trapanese da sei settimane è stato avviato il servizio di raccolta porta a porta, anche nella zona costiera che, nei mesi estivi, vede raddoppiare la popolazione. «Quando ho letto le ultime folli ordinanze del governo Crocetta che hanno limitato notevolmente il conferimento di rifiuti in discarica, sono corso ai ripari, avviano rapidamente il porta a porta in tutta la città», sottolinea il sindaco che rivendica i risultati raggiunti: «Siamo al 60 per cento di differenziata». Chi sgarra, come l’uomo beccato dalle telecamere di videosorveglianza, si becca una multa che può arrivare fino a 600 euro e, nei casi in cui tra la spazzatura viene ritrovato materiale nocivo o tossico, rischia anche di essere segnalato alla Procura per reati ambientali. 

«Negli ultimi dieci giorni abbiamo elevato trenta multe grazie alle riprese video – elenca il primo cittadino -, altre sono scattate grazie al servizio di appostamento e a quello di verifica aprendo i sacchetti abbandonati». La prima attività è svolta da un’associazione di volontariato che, quando necessario, chiede l’intervento dei vigili urbani. Spetta invece a un dipendente del Comune, insieme a un agente della municipale, ogni mattina aprire i sacchetti lasciati in strada e provare a risalire ai responsabili. «Ad esempio guardando gli scontrini che si trovano dentro e chiedendo informazioni ai supermercati», precisa Giacalone. 

Diverso il trattamento per i cittadini che non espongono i rifiuti negli orari previsti. «In questi casi – conclude il sindaco – potrebbe scattare una sanzione di 50 euro, ma si procede in maniera graduale. Prima vengono attaccati degli adesivi sui sacchetti per informare dell’errore, se la cosa continua allora si passa alle multe». 


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]