Patronato, disbrigo pratiche e richieste elettorali Per il bonus bebè un impegno fino alle Comunali

«Sono incinta di due mesi, volevo informazioni sulle pratiche per il bonus bebè». Dopo una segnalazione arrivata in redazione,
MeridioNews è andato nel Caf di via Santa Maria della Catena, riferimento del vicepresidente della prima municipalità Mario Tomasello. Lungo la strada che porta in via Plebiscito, quasi all’incrocio con via Medaglie d’oro, l’impegno politico di Tomasello è chiaro fin dall’ingresso: sotto all’insegna del patronato Mcl (Movimento cristiano lavoratori) c’è il manifesto della ex deputata regionale e adesso candidata al Senato nel collegio di Catania con il Partito democratico Valeria Sudano. Esponente ex Articolo 4, protagonista – assieme al compagno d’avventura Luca Sammartino, candidato alla Camera al collegio uninominale di Misterbianco – della scalata ai vertici dei dem. Un sogno diventato plebiscito bulgaro con le 32mila preferenze ottenute da Sammartino alle scorse elezioni regionali e confermato oggi, quando il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni – paracadutato a Catania per le Politiche 2018 – sarà con lui nell’auditorium comunale misterbianchese. «Devi mettere soltanto Pd – ci dice Tomasello all’interno del patronato – Nomi non ne devi mettere. Tutt’e due (spiega riferendosi proprio a Sammartino e Sudano, ndr) sono sia Camera che Senato».

Tomasello torna così agli onori della cronaca. Ci era finito, sempre per via di un approfondimento esclusivo di questa testata, 
quando era stato sottoposto agli arresti domiciliari nel novembre 2016, coinvolto in una presunta maxi truffa alle compagnie assicurative insieme a una persona identificata dai carabinieri come il socio del consigliere. Circa 60 incidenti «sospetti» con richieste di risarcimento danni per una cifra superiore a 500mila euro. Pochi giorni prima il suo nome veniva messo nero su bianco in un dossier analizzato dalla commissione nazionale antimafia, grazie all’allora prefetta Maria Guia Federico. Citato in maniera indiretta per i guai giudiziari del fratello defunto Massimo Carmelo, detto Poiatti. Più volte coinvolto in inchieste di mafia perché ritenuto vicino al clan Mazzei di Catania.

Durante i giorni scorsi, nel patronato della prima circoscrizione, il via vai di gente è continuo. Il vicepresidente della municipalità arriva e si affianca alla moglie, che gestisce i turni d’ingresso. È lei a chiamarci quando, dopo avere ottenuto le informazioni sull’Isee che avevamo chiesto, stiamo per uscire. «Signora, scusi», dice. Dopo essersi accertata della nostra richiesta, domanda: «Quando ti rivedo?». «Penso presto». «Ti devo chiedere una cortesia», comincia. Poco dopo aggiunge la spiegazione: lei e il marito – Tomasello, appunto – gestiscono il patronato. E lui si candiderà alle
amministrative del Comune di Catania. Non è chiaro se di nuovo come referente di quartiere o se punta a uno scranno di Palazzo degli elefanti. In mezzo, però, ci sono le elezioni politiche del 4 marzo. «Se glielo vuoi dare al Pd (il voto, ndr) mi faresti una cortesia. Va bene, gioia?». Alla richiesta di ulteriori spiegazioni, la donna chiama il marito: «Mario, dalle la carta del Pd. La signorina è nuova, deve fare l’Isee. Aspetta che ti scrivo». Il «ti scrivo» si riferisce a un quaderno all’interno del quale vengono appuntati i nostri nome, cognome, indirizzo e numero di telefono. In fondo a una pagina già piena di altri dati.

«
Poi noi ti diremo tutto, non appena tu vieni a farti l’Isee – continua la moglie di Tomasello – Mi raccomando». Il vero interesse, però, non è concentrato sulle elezioni politiche, bensì sulle future amministrative del capoluogo etneo. «Quella è più importante – afferma il consigliere di circoscrizione, eletto tra le file dell’ormai defunto Articolo 4 – Perché noi siamo qua nel quartiere, nella zona di Catania». «Non è possibile che fatti come questi accadano all’interno di un nostro Caf – replica a MeridioNews Antonio Inchingoli, presidente del consiglio di amministrazione della società Caf Movimento cristiano lavoratori – Dov’è che si fa campagna elettorale?». Tra le sedi di Caf Mcl, secondo il sito internet dell’impresa, figura anche quella di via Santa Maria della Catena. Raggiunto telefonicamente mentre si trova a Roma, Inchingoli spiega: «Non abbiamo dato direttive su questioni politiche perché non si è mai posto il problema. Noi non siamo a conoscenza del fatto che a Catania accada quello che descrivete». E se il patronato, di per sé, è un luogo privato, a livello etico la regola del Caf Mcl è «che non possiamo influenzare l’utenza su questioni in cui possa insorgere il dubbio del conflitto d’interessi». Dopo avere richiesto ulteriori dettagli e avere fatto delle verifiche, Antonio Inchingoli aggiunge: «Tomasello non è un nostro dipendente incaricato. Ho fatto sapere che se ci sono insegne di partito devono essere rimosse e non si devono mettere nel futuro. Manderò un mio delegato a controllare».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Succede in via Santa Maria della Catena, all'interno di un locale gestito dal consigliere di municipalità Mario Tomasello. Dentro e fuori, i manifesti della candidata Valeria Sudano. Abbiamo finto di avere bisogno di informazioni e poco dopo è scattata la richiesta: «Ora puoi votare Senato e Camera, me a giugno». Guarda il video

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]