Parte la campagna del Pd anche per le elezioni nazionali  Provenzano: «La Sicilia deve essere protagonista a Roma»

Parte anche in Sicilia la campagna elettorale del Partito democratico in vista delle Politiche che rinnoveranno il parlamento italiano il prossimo 25 settembre, data scelta anche per celebrare l’elezione del nuovo governo regionale. Lo fa presentando a Palermo i nomi dei candidati a Camera e Senato nei collegi uninominali e plurinominali. Tra questi, presenti alla conferenza stampa, Peppe Provenzano, ex ministro del Sud, che sarà capolista a Palermo e Caltanissetta per la Camera dei deputati, la sindacalista Anna Maria Furlan, capolista per il Senato a Marsala, Antonio Nicita, capolista per il Senato a Siracusa, la consigliera comunale di Palermo Teresa Piccione, candidata alla Camera e il segretario regionale del partito, Anthony Barbagallo, candidato come capolista alla Camera nei collegi di Siracusa, Ragusa e Catania. 

«La Sicilia ha bisogno che faccia sentire la sua voce, che venga rappresentata e portata sui tavoli nazionali come una grande questione nazionale, perché è questo che è – dice Provenzano – E le nostre proposte sui diritti, sul lavoro buono, sui salari, sulla cura del territorio, dell’ambiente, sono esattamente quello che serve alla Sicilia e all’Italia». Il pensiero corre comunque sempre alle elezioni regionali, che vedono il Pd impegnato a sostegno di Caterina Chinnici. «Con Chinnici vogliamo intercettare un elettorato che va al di là dei confini tradizionali del centrosinistra, forti delle nostre proposte – prosegue il vicesegretario nazionale – È una figura che suscita grandi speranze, ma soprattutto ha le mani giuste, le carte in regola per affrontare la nuova stagione che si apre in Sicilia. Arriveranno 50 miliardi tra fondi europei e risorse di coesione, sono le stesse per cui da ministro per il Sud mi sono battuto e non possiamo consentire che gli stessi che non le avrebbero mai volute ci mettano le mani». 

Il riferimento, neanche troppo velato, è agli alleati in Europa della parte più estrema della coalizione del centrodestra. «Se fosse stato per gli amici di Salvini e di Meloni, in Europa noi quelle risorse non le avremmo mai avute, adesso vogliono metterci le mani, vogliono farlo per i loro interessi particolari, come si è visto sulla sanità, ma sono talmente incapaci di perderle o di sprecarle quelle risorse e noi non possiamo permettere che la Sicilia venga tagliata fuori da questa opportunità di futuro».

Infine, rimanendo sul tema regionale, non si può ignorare lo scossone forte subito dalla coalizione, con l’uscita del Movimento 5 stelle, che pure sembrava voler intraprendere un percorso insieme ai dem nonostante la rottura sul piano nazionale. «La proposta politica non si costruisce sul puzzle delle alleanze – conclude Provenzano – Quello del Movimento 5 stelle è stato un vero e proprio voltafaccia, che ha creato sconcerto e malumore tra gli stessi eletti del M5s e tra molti elettori, ma per noi è un motivo in più per combattere con maggiore determinazione questa battaglia. Ma il tradimento non è stato nei confronti del Partito democratico, è stato nei confronti dei siciliani con i quali era stato scritto un patto alle primarie e che vogliono cambiare rispetto a questo governo Musumeci che è stato fallimentare».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]