Palermo, contro la Ternana un pari e tanti rimpianti Rosa ancora alla ricerca della chiave per svoltare

E’ un mix di sensazioni contrastanti l’effetto che, sul versante rosanero, produce l’1-1 casalingo contro la Ternana nel turno infrasettimanale del girone C del campionato di C. Il rammarico per non avere vinto, dopo essere andati in vantaggio, una gara nella quale il Palermo avrebbe meritato di conquistare l’intera posta in palio soprattutto per la prestazione offerta è accompagnato anche da un sospiro di sollievo e dalla consapevolezza che, per assurdo, la squadra ha rischiato di perdere se nel finale il pallone calciato su punizione dall’ex di turno Falletti, autore al 29’ del secondo tempo del gol del pareggio dopo il momentaneo 1-0 firmato Lucca nelle battute iniziali della ripresa con un colpo di testa su cross di Accardi dall’out destro, non avesse centrato il palo prima che Pelagotti si trovasse in seguito ad un rimpallo il pallone tra le mani sulla linea di porta.

A prevalere, tuttavia, è il flusso orientato verso la parola ‘rammarico’, sentimento amplificato dalla modalità con la quale gli umbri sono riusciti a ristabilire la parità (il capitano Crivello scivola nell’azione da cui spunta il pallone rasoterra sfruttato con freddezza da Falletti a tu per tu con il portiere) e dettato dall’amara constatazione che se il Palermo avesse giocato anche altre volte e contro avversari meno quotati con la stessa intensità ed applicazione mostrate nella gara odierna la realtà adesso sarebbe diversa. I rosanero, al terzo pareggio di fila, non stazionerebbero a metà classifica e non avrebbero un gap di ventisei punti dalla capolista. Migliore dei rosa in relazione alla qualità di alcuni interpreti (al Barbera si è messo in evidenza soprattutto il centrocampista Palumbo, più brillante rispetto ad una batteria offensiva che oggi ha funzionato solo ad intermittenza) e certamente sul piano della continuità (non è un caso se la formazione guidata da Lucarelli, costretto nel primo tempo a due cambi forzati sulla fascia sinistra, sia l’unica ancora imbattuta in Europa e in trasferta abbia vinto otto gare su dieci) ma che nel confronto diretto non è stata superiore nell’arco dei novanta minuti. Perché, dunque, il Palermo è forte con le big e vulnerabile con le compagini meno blasonate? E’ una questione mentale. Se la squadra sfodera ottime prestazioni in determinate circostanze, come avvenuto in questa stagione anche a Catanzaro, nel derby con il Catania giocato in emergenza o nella sfida con il Bari, e spesso stecca altri tipi di appuntamenti significa che pur avendo delle potenzialità non ha ancora raggiunto il livello di maturità necessario per la definitiva consacrazione.

Target raggiungibile, peraltro, nel momento in cui gli errori individuali avranno nell’economia delle partite un peso specifico inferiore. I rosa, più ordinati in campo grazie al contributo di De Rose che pur non facendo cose trascendentali ha dato alla manovra equilibrio e raziocinio in qualità di play nel 4-3-3, contro la prima della classe avrebbero meritato di vincere ma se non lo hanno fatto un motivo ci sarà. E una delle ragioni, al netto di altri fattori come gli episodi dubbi in area rossoverde non ravvisati dall’arbitro Tremolada che nel primo tempo ha sorvolato su una spinta di Defendi ai danni di Valente e una trattenuta di Salzano su Luperini, è da collegare proprio al piccolissimo margine di errore con cui deve fare i conti l’undici di Boscaglia. Che per segnare, in assenza di incisività e killer-instinct in occasione delle prime palle gol create durante la gara, deve presentarsi tante volte davanti alla porta avversaria e che, a differenza ad esempio di formazioni come appunto la Ternana in grado di lasciare un segno anche nelle giornate meno propizie, per superare indenne i pericoli è costretto ad interpretare il suo copione alla perfezione e senza la minima sbavatura. In occasione del gol subìto è mancato il supporto della dea bendata ma, come dimostra oltretutto il brivido in zona Cesarini, il concetto di sfortuna regge fino ad un certo punto nelle dinamiche di un Palermo che dopo l’1-0 non ha saputo incanalare il match verso i propri binari. E qui c’entra poco la sfortuna con le imperfezioni di una squadra come quella rosanero che, a prescindere dagli interpreti presenti in campo con riferimento in questo caso anche all’ingresso di Silipo al posto di Kanouté subito dopo l’intervallo, ha come sua caratteristica l’incapacità di sferrare all’avversario il colpo del ko e spostare definitivamente l’asse delle partite dalla propria parte.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]