False fatture, indagato anche Zamparini Ombre sugli affari conclusi con Moggi

Il mondo del calcio torna a tremare. L’inchiesta Fuorigioco della procura di Napoli ha portato la guardia di finanza a eseguire perquisizioni e sequestri nei confronti di 64 indagati tra dirigenti, procuratori, calciatori ed ex calciatori, per un totale di 35 società di serie A e B. L’indagine era partita nel 2012 e ipotizzava varie violazioni fiscali: secondo i magistrati, gli agenti sarebbero risultati nei bilanci delle società di calcio come mandatari delle stesse – con la possibilità di detrazione fiscale -, mentre invece avrebbero svolto una normale attività da procuratori, occupandosi dei propri giocatori. Così sarebbero state emesse delle false fatture. Nell’inchiesta risultano indagati anche personaggi legati, nel corso del tempo, al Palermo. Si tratta del presidente Maurizio Zamparini, degli ex direttori sportivi Pietro Lo Monaco, Giorgio Perinetti e Rino Foschi e del calciatore Antonio Nocerino. Oltre ai procuratori Alessandro Moggi e Riccardo Calleri. Questi due, negli ultimi anni, hanno infatti concluso alcune operazioni con il club di viale del Fante. Le perquisizioni si sono svolte a casa degli indagati e non nella sede della società.

Diversi i nomi noti coinvolti: da Adriano Galliani, amministratore delegato del Milan, a Claudio Lotito, presidente della Lazio; da Jean Claude Blanc, ex presidente della Juventus, ad Andrea Della Valle, vicepresidente e ad della Fiorentina; fino ad arrivare a calciatori come Lavezzi, Immobile, Denis e Paletta ed ex atleti come Crespo. Ma a Palermo è il nome di Zamparini che fa più scalpore, dato che nelle ultime settimane il presidente in prima persona si è espresso più volte contro un sistema da lui definito «ammalato». Pietro Lo Monaco condusse in prima persona la sessione invernale del calciomercato 2012/13, portando a Palermo una decina di giocatori tra cui Sorrentino, Aronica e Dossena, gli argentini Faurlin, Formica, Boselli, Fabbrini e Sperduti, il portoghese Nelson e il brasiliano Anselmo. I rosanero, al termine di quella stagione, scesero in serie B

I direttori sportivi Rino Foschi e Giorgio Perinetti sono stati a Palermo in periodi diversi: il primo dal 2002 al 2008, il secondo nell’immediato prima e dopo dell’interregno di Lo Monaco. Poi ci sono i procuratori Alessandro Moggi e Riccardo Calleri, soci della società Gea World spa, che con i rosanero hanno concluso le operazioni relative a Fabio Liverani e Salvatore Aronica. A portare nel capoluogo siciliano quest’ultimo era stato proprio Lo Monaco, pagando 27mila euro al procuratore Calleri, come risulta dalla nota integrativa al bilancio 2013 della Us Città di Palermo. I due ex giocatori, però, non risultano nel registro degli indagati. «Al Palermo sono stato solo tre mesi – risponde Lo Monaco a MeridioNews – Gli unici soldi spesi sono stati per Sorrentino, per gli altri si è trattato di prestiti a costo zero».

Una situazione particolarmente intricata potrebbe essere quella relativa ad Antonio Nocerino. Il centrocampista ha giocato a Palermo dal 2008 al 2011, quando fu ceduto al Milan nell’ultimo giorno di mercato per circa 500mila euro più la compartecipazione del difensore portoghese Ricardo Ferreira. Quella cessione fece scalpore tanto tra i tifosi quanto tra gli addetti ai lavori per una cifra considerata irrisoria, dato che Nocerino si trovava nel pieno della propria carriera e in rosanero stava facendo bene. Tra gli indagati, oltre al giocatore figurano anche il suo procuratore Marco Sommella e l’uomo mercato dei rossoneri, Adriano Galliani, che porta avanti gli affari in entrata e in uscita della società milanese.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]