Le pupe siciliane della famiglia Napoli: «A dare voce ad Angelica era mia madre, forte come le sue eroine»

Un viaggio nel mondo delle tradizioni attraverso l’opera dei pupi della famiglia Napoli, la cui bottega si trova a Catania nella zona del castello Ursino, in via Reitano. Una storia che si tramanda di generazione in generazione a partire dal 1877, anno di nascita di Gaetano Napoli. «Tutto è partito da mio nonno, per poi passare a mio padre Natale che ha lasciato le redini di questo mestiere a me», racconta a MeridioNews il direttore artistico Fiorenzo Napoli che, sposando una sua compagna di classe, ha dato vita alla quarta generazione dei Napoli che rappresentano il presente e il futuro di una dinastia che non si è mai fermata dalla fine dell’Ottocento. «Abbiamo firmato un patto di sangue con le tradizioni – spiega – Sudore e sacrifici sono stati indispensabili per portare avanti tutto ciò». Si torna indietro nel tempo, a quando i pupari andavano in scena nei quartieri della propria città. Quasi 18 i teatri a Catania che tutte le sere operavano con un proprio pubblico e con i propri pupi.

Una tradizione che ha subìto degli sconvolgimenti quando, alla fine degli anni Cinquanta, la modernità e l’industrializzazione hanno preso il sopravvento. «C’è stato un tradimento da parte della gente che affollava le sale dell’opera dei pupi e che ha cambiato orizzonti, rivolgendosi verso i beni di consumo come la macchina, la TV e il frigorifero», evidenzia il direttore artistico. In ambito teatrale, non c’era più un confronto tra classe egemone e subalterna e temi, come quello del riscatto sociale, sono stati superati. «Ci siamo adattati – aggiunge Fiorenzo Napoli – capendo che bisognava mettere in atto una sfida tra permanenze e mutamenti, accettare la tradizione ma modificarne i ritmi e sposare nuovi filoni. Nel 1958, quando gli altri morivano, sono venuti a trovarci grandi personaggi come Modugno, nasce la commedia musicale con Rinaldi in campo. Salire su tutti i palcoscenici con Modugno, Ciccio Ingrassia e molti altri è stato un miracolo che si è ripetuto ora con Massimo Ranieri con le altre edizioni di Rinaldi in campo».

L’opera della famiglia Napoli nel tempo è stata dunque accompagnata da grandi scenografi e coreografi, oltre a essere riuscita a imprimere forti segnali di sicilianità in occasioni come l’inaugurazione dell’atomo nell’Expo universale di Bruxelles. Adesso è in corso una mostra a Modica ispirata alla madre di Fiorenzo Napoli (morta nel 2018, ndr). Come lo stesso afferma, «per 70 anni è stata la voce delle eroine e delle pupe della famiglia Napoli, oltre a essere stata una forte donna come i personaggi che portava in scena».

Una mostra dedicata al settore femminile, spesso non considerato, fa notare il direttore dell’opera. Lo stile catanese, a differenza di quello palermitano dove – per tradizione – le pupe vengono parlate e doppiate dall’uomo, prevede la presenza di una figura femminile. «Associare la tempra di personaggi come Bradamante o Angelica mi ha fatto pensare a mia madre, una giovane donna che entrò prestissimo nella nostra famiglia divenendone il faro con la sua capacità artistica e il suo modo di essere. La donna dell’opera dei pupi, per eccellenza», aggiunge l’artista. Per quest’ultimo la bottega viene vista come il luogo della rinascita e del ritorno alle origini: «Quando ci entro divento il bambino di sempre. C’è questa metamorfosi ovidiana. I muri mi parlano e questi luoghi della memoria, dove sono peraltro nato, mi fortificano e mi confortano. La bottega è il mio rifugio quando litigo col mondo».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Un viaggio nel mondo delle tradizioni attraverso l’opera dei pupi della famiglia Napoli, la cui bottega si trova a Catania nella zona del castello Ursino, in via Reitano. Una storia che si tramanda di generazione in generazione a partire dal 1877, anno di nascita di Gaetano Napoli. «Tutto è partito da mio nonno, per poi […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]