Omicidio Enzo Fragalà, arrestate sei persone «Curnutu e sbirru, doveva parlare più poco»

«Non ci toccate né soldi e né oggetti, perché lui deve capire che non è una rapina, deve capire che deve parlare poco». A raccontare i motivi di quella che sembrerebbe essere nata come una spedizione punitiva nei confronti dell’avvocato Enzo Fragalà, poi divenuto un omicidio, è il pentito Francesco Chiarello, ex affiliato della famiglia di Borgo Vecchio che nell’aprile 2015 ha deciso di collaborare. Già nel primo interrogatorio al quale si sottopone racconta ai magistrati le modalità esecutive dell’aggressione al penalista, facendo anche i nomi di quattro autori. Il primo è Francesco Arcuri, la mente del piano: è lui che organizza i dettagli della spedizione, senza però prenderne parte. A stabilire le modalità dell’aggressione è anche Antonino Abbate, che va oltre la mera pianificazione, prendendo di fatto parte all’azione individuando la vittima e facendo poi da palo durante il violento pestaggio. A coprire gli aggressori ci sono anche Salvatore Ingrassia e Antonino Siragusa. A questi quattro nomi, si sono aggiunti successivamente anche quelli di Paolo Cocco e Francesco Castronovo, i due esecutori materiali muniti di mazza.

A tutti e sei gli arrestati il gip ha riconosciuto l’aggravante mafiosa. «Ci siamo mossi sulla base di quello che potevamo provare», ha detto il procuratore capo Francesco Lo Voi in conferenza stampa questa mattina. Le indagini, che hanno visto impegnati i magistrati Leonardo Agueci, Maurizio Scalia, Caterina Malagoli, Francesca Mazzocco e Nino Di Matteo, sono state riaperte in seguito anche a nuove intercettazioni. Già a luglio 2013 e a gennaio 2014 vengono ascoltate le conversazioni tra i fratelli Di Giacomo (Giuseppe e Giovanni) all’interno del carcere di Parma in cui i due discutono dell’omicidio Fragalà, manifestando piena consapevolezza del fatto che a essere coinvolti fossero degli affiliati alla famiglia mafiosa di Borgo Vecchio. Conversazioni che hanno confermato la direzione che avrebbero dovuto prendere le indagini.

«Per il fatto dell’omicidio, può essere che poi mi vengono a cercare…che c’ero pure io esce», dice in un’intercettazione Paolo Cocco confessando alla moglie di aver partecipato all’aggressione. «Giura sul bambino!», risponde lei incredula, «ma che cazzo stai dicendo? i chiavi possono iccari, mi hai fatto tramutare Paolo!». È sempre lui che, qualche tempo prima, trova anche una microspia all’interno della propria abitazione. La mostra a Domenico Tantillo e ad Antonino Tarallo, rassicurandoli di non aver mai preso discorsi di un certo tipo in casa sua. «Minchia alimentatore, 36 batterie! L’avevi montata a casa?», si sente dall’intercettazione ambientale. «Certo – risponde qualcuno al posto di Cocco – l’hai vista l’antenna bianca? Speriamo che magari hai parlato solo di minchiate…hai capito cosa ti voglio dire?», «No no, qui no», dice Cocco.

Sono cruciali anche le intercettazioni di Francesco Castronovo, altro esecutore materiale del delitto, ascoltato dagli inquirenti mentre parlava dell’omicidio con una sua cugina: «Quattro anni già sono passati, me la sono scansata!», le dice, supponendo di averla fatta franca. Si aggiungono alle confessioni captate anche le intercettazioni dell’organizzazione logistica dell’aggressione: «Che tempi perdi ancora? Minchia siamo rimasti alle otto meno cinque!», dice al telefono Antonino Abbate. Per muoversi, invece, utilizzano due mezzi distinti: «Andiamo tutti e due con la macchina, poi tu ti porti il motore e lui se ne viene con me». Sembrano smaniosi, hanno fretta di agire, nell’ottica di «piegare la condotta professionale di Fragalà a maggior rispetto nei confronti dell’organizzazione mafiosa e dei suoi esponenti», dicono gli inquirenti, un messaggio intimidatorio nei confronti dell’intera avvocatura palermitana


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]