Muos, prima dell’udienza spariscono rilievi Arpa I tecnici: «Evidente violazione dei diritti di difesa»

Una battaglia a suon di note ufficiali che si contraddicono l’un l’altra. Con un solo punto fermo: l’udienza dell’8 luglio davanti al Cga. A tenere banco in questi giorni è ancora una polemica che riguarda il Muos di Niscemi. L’impianto militare Usa che è stato installato in provincia di Caltanissetta e che il Tar, con un pronunciamento datato 13 febbraio, ha bloccato. Il ministero della Difesa, però, attraverso l‘avvocatura dello Stato, chiede l’annullamento della sentenza del tribunale amministrativo regionale. Tra i documenti agli atti del processo ci sono anche delle rilevazioni effettuate dall’Arpa, l’agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. Ed è proprio questa perizia il nocciolo di una questione che ha al centro la loro assenza. In altri termini: l’Arpa avrebbe inviato i risultati delle sue analisi a tutte le parti in causa nel procedimento. Ma il Comune di Niscemi e i suoi consulenti sostengono di non averli mai ricevuti.

«La questione è rimasta aperta», spiega Massimo Coraddu, fisico e membro del pool di tecnici ingaggiati dal Comune di Niscemi per analizzare l’impatto delle antenne Muos sull’area in cui sono installate. «Il 15 aprile c’era un’udienza. L’avvocatura di Stato ha depositato i rilievi effettuati da Arpa Sicilia l’11 aprile. I nostri avvocati sono venuti a saperlo il 12 e noi siamo entrati in possesso delle perizie il 14. Abbiamo avuto un giorno per fare le nostre analisi e rispondere in aula», racconta l’esperto. La risposta, però, nonostante quella che viene definita una «evidente violazione dei diritti di difesa», è arrivata: «I test dell’ArpaS sono stati effettuati in condizioni difformi da quanto previsto dalla normativa», si legge in una nota diffusa dai consulenti.

Gli esami dell’agenzia regionale sarebbero stati condotti «in assenza del necessario modello previsionale delle emissioni, esplicitamente richiesto dalla normativa, che non è mai stato fornito dalla US Navy». «Questo significa – puntualizza Massimo Coraddu – che i tecnici Arpa Sicilia non avevano strumenti per verificare che i punti scelti per fare le misurazioni fossero quelli giusti. Un certo tipo di esami non lo puoi fare solo basandoti sull’esperienza». A questo elemento, Coraddu ne aggiunge altri due: «Hanno fatto i test basandosi su una potenza massima di 200 watt, ma la potenza massima prevista per il Muos è di 1600 watt. Senza considerare che hanno fatto i conti considerando un’inclinazione molto più alta rispetto all’orizzonte di quella che avranno le antenne in funzione». «In ogni caso – dice Coraddu – È assurdo e scandaloso che noi di questi esami siamo stati tenuti all’oscuro. Da chiunque sia arrivata l’omissione, se dal Comune o dall’Arpa, è un dato inaccettabile».

Il Comune di Niscemi, però, respinge ogni accusa: «Abbiamo accertato che mai nessuna posta certificata ci è stata inviata quest’anno dall’Arpa Sicilia riguardante le misurazioni dei campi elettromagnetici in prossimità della base della Marina militare americana», afferma l’assessore all’Ambiente, il niscemese Massimiliano Ficicchia. Che annuncia una diffida nei confronti dell’agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. La replica dell’Arpa non si fa attendere: «Non è vero che noi non abbiamo mandato nessun dato», risponde il direttore generale regionale, Francesco Licata Di Baucina. «Abbiamo le notifiche dell’avvenuto invio tramite pec del messaggio. Questa storia dell’assenza di comunicazione è palesemente una falsità», arringa. 

E sul merito delle rilevazioni continua: «I nostri test sono stati effettuati nei luoghi che sono stati identificati come i più sensibili. Inoltre, anche a voler triplicare i valori del campo elettromagnetico che abbiamo misurato, quelli sarebbero comunque rimasti all’interno dei limiti consentiti dalla legge». «Ma per arrivare da 200 watt a 1600 watt non bisogna triplicare, bisogna moltiplicare per otto», risponde Coraddu. Intanto, comunque, la questione rimane aperta. E a Niscemi continuano gli esami degli esperti chiamati dal Comune per valutare l’impatto dell’elettromagnetismo sull’ambiente. «Stiamo conducendo un esperimento di biologia per verificare gli effetti delle emissioni – conclude il fisico sardo – Vengono coltivate delle cellule umane in zone in cui c’è irraggiamento e in zone in cui l’irraggiamento non c’è. Con le stesse identiche condizioni di base, vogliamo verificare se ci sono conseguenze». I risultati di questo ulteriore test dovrebbero arrivare entro i primi mesi del 2016.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]