La storia infinita tra Mpa-Lega: insieme da oltre 15 anni tra maxi bonifici, liti furiose e strette di mano

Tutto bello, tutto rose e fiori. L’amore tra l’Mpa di Raffaele Lombardo e la Lega è scoppiato tra sorrisi, abbracci, baci e la garanzia che si tratta di amore vero. Questo li ha portati non a stringere ma a rinnovare la confederazione che, verosimilmente, li vedrà andare a braccetto nella stessa lista verso le elezioni europee. Niente a che vedere con una risposta all’apparentamento in lista di Totò Cuffaro con Forza Italia dopo l’apertura di Renato Schifani al centro. Adesso, il leader dell’Mpa ed ex governatore della Regione siciliana abbraccia le battaglie di Matteo Salvini, l’intesa – autentica – sull’autonomia differenziata, la costruzione del ponte sullo Stretto. Tema su cui l’Mpa punta «sin dalla sua nascita», come ricordato dal suo fondatore. Lo stesso che, qualche anno fa, diceva che al posto del ponte sarebbe servito «il muro sullo Stretto».

Ma questo è il rapporto tra Lega e Mpa. La neanche tanto strana confederazione che, in realtà, resiste da anni, pur con qualche scossone non da poco. E non senza parole pesanti. Tutto nasce nel 2005, insieme al Movimento per le autonomie, messo in piedi da Lombardo, già ex vicesindaco di Catania e già presidente della provincia etnea. È lui a stringere un patto con il centrodestra a trazione berlusconiana in occasione delle elezioni comunali di Catania, dando un’enorme mano a Umberto Scapagnini per la sua rielezione a primo cittadino del capoluogo etneo, portando alla sua causa una percentuale di preferenze che si è aggirata attorno ai venti punti. Pochi anni dopo, a partire dal 2007, i conti correnti del partito verranno rimpinguati con due versamenti, uno da circa 387mila euro e un altro da poco più di 292mila euro, effettuati proprio dall’allora Lega Nord.

La storia d’amore va avanti, ancora tra alti e bassi, complici le alterne fortune di Raffaele Lombardo. Alti e bassi che portano fino al 2022. Ancora una volta, sul tavolo ci sono delle elezioni amministrative. Si comincia da Palermo: l’autonomista Totò Lentini, deputato regionale della squadra di Lombardo, si lancia in una fuga in avanti e il partito lo segue. Salvo poi abbandonarlo lungo la salita, costringendolo infine, a raggiungere gli altri del Centrodestra e sostenere anche lui il futuro sindaco Roberto Lagalla. Ma è per le Comunali di Catania che Mpa e Lega toccano il fondo. E stavolta senza ripensamenti. Dal Carroccio si fa avanti con prepotenza il nome di Valeria Sudano come candidata a sindaca del capoluogo. Sudano che oltre a essere figlia d’arte è legata a doppio filo – nella politica, così come nella vita privata – a Luca Sammartino, mister preferenze che ha praticamente da solo garantito una buona fetta della vittoria di Renato Schifani, cavallo vincente della Lega, ma soprattutto arcinemico di Raffaele Lombardo. Da qui parte un’offensiva serrata che avrebbe rischiato di culminare persino con la candidatura di Lombardo a sindaco, pur di intralciare la corsa di Sudano.

Poi, all’improvviso, ecco scoppiare il sereno. Lombardo che pare avere ritrovato quanto meno tolleranza nei confronti del vicepresidente della Regione, Matteo Salvini che a Roma accoglie e stringe la mano con gran sorriso al leader autonomista e le dichiarazioni pubbliche che da ambo le parti appaiono quanto mai melliflue. «Se hanno deciso di muoversi in questa maniera non mi pare una novità», il commento del reggente di Forza Italia Antonio Tajani, vicepresidente del Consiglio in carica. Adesso, non resta che aspettare di vedere chi avrà la meglio sul simbolo della lista congiunta, quale sarà il nome preponderante – ognuno convinto che sia il proprio quello in dovere di trainare il nome dell’altro – e soprattutto quanto durerà una pace, che alla fine non si è mai davvero interrotta.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]