Modica, corso Umberto diventa «Gaetano Bresci, tirannicida» Il 63enne che ha cambiato nome alla strada è stato multato

«Corso Gaetano Bresci, tirannicida. Già corso Umberto I tiranno». La polizia locale di Modica ha individuato l’uomo che aveva arbitrariamente modificato la
toponomastica cittadina nella notte tra mercoledì e giovedì scorso.
Si tratta di un 63enne originario di Roma ma residente nella cittadina del Ragusano da alcuni anni. 

Stando a quanto ricostruito dalle indagini, l’uomo avrebbe prima realizzato dei pannelli adesivi identici
alle tabelle collocate lungo il corso Umberto, sia nella grandezza che nella
conformazione, ma diversi nel contenuto. Durante la notte poi li avrebbe collocati sui muri della
principale arteria cittadina utilizzando il nome di Bresci che è stato l’anarchico esecutore del regicidio del re d’Italia Umberto I

Nelle ore successive, la polizia locale ha proceduto alla visione delle telecamere di
videosorveglianza
comunale: da lì si vedrebbe l’uomo spostarsi lungo corso
Umberto a bordo di un’auto di colore rosso e fermarsi in corrispondenza di ogni cartello
toponomastico. Dopo essere sceso dal veicolo, salendo su una scala, l’uomo sarebbe arrivato fino alle varie tabelle collocandovi la nuova denominazione. Il 63enne è stato sanzionato mentre i pannelli adesivi abusivi sono stati rimossi.


Dalla stessa categoria

I più letti

Giustizia per Emanuele Scieri

«Ricordate che in tutti i tempi ci sono stati tiranni e assassini e che, per un certo periodo, sono sembrati invincibili, ma alla fine, cadono sempre, sempre». È da un aforisma del mahatma Gandhi che ha preso spunto l’avvocata Alessandra Furnari nella sua discussione durante il processo per l’omicidio volontario aggravato di Emanuele Scieri, il parà siracusano 26enne in servizio militare trovato cadavere nell’agosto del 1999 […]

«Una macchina di imbrogli e di sotterfugi manzoniana che si è sviluppata sull’esigenza di un costrutto che doveva raccontare un’altra versione dei fatti». Così il procuratore di Pisa Alessandro Crini ha definito la ricostruzione da parte dell’esercito di quanto accaduto all’interno della caserma Gamerra nell’agosto del 1999 nel corso della sua requisitoria a cui è […]

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo