Miniere siciliane, dalla ricchezza alla mafia Lo smaltimento illecito di rifiuti in un video

«Gli abitanti raccontano di un via vai di camion, piccoli e grandi. Nessuno sa cosa trasportino, ma tutti li vedono dirigersi alle ex miniere. Oggi chiuse e abbandonate». Saul Caia, insieme a Rosario Sardella, è l’autore di Miniere di Stato, videoinchiesta che andrà in onda stasera su Rai News 24 – alle 20.40 sul canale 48 del digitale terrestre e in diretta streaming sul portale Rai.tv – e che racconta di quel che resta delle circa 800 miniere siciliane, per lo più nelle province di Caltanissetta, Enna ed Agrigento. Un tempo fonte di ricchezza per l’isola, dagli anni ’90 considerate il punto nevralgico per lo smaltimento illecito di rifiuti, anche radioattivi. «Impossibile dire con precisione che tipo di rifiuti – spiega Caia, giornalista freelance siracusano ma residente a Catania – Nonostante i racconti passino di bocca in bocca tra gli abitanti, nessuno è mai andato effettivamente a controllare». Sulla questione, le procure di Palermo e Caltagirone hanno aperto delle inchieste. «L’Arpa (Agenzia Regionale Protezione Ambiente ndr) ammette di aver rilevato un alto tasso radioattività nelle zone, ma di non essere riuscita a capire se derivi dal potassio presente o da qualcosa che c’è sotto il terreno». Nessuno si è mai avvicinato abbastanza da scoprirlo. Ma in filigrana si legge una storia di misteri, criminalità organizzata e intrecci politici che i due giornalisti hanno cercato di condensare nei 25 minuti di videoinchiesta, selezionata tra i progetti finalisti al premio Morrione 2012 tra altri cento lavori.

«Siamo partiti da quelle che potevano sembrare leggende metropolitane – racconta Caia – Vicino alla miniera di Pasquasia, in provincia di Enna, gli abitanti raccontano di aver visto in questi anni diversi camion dirigersi alle miniere, nonostante queste fossero ferme». Il contenuto dei mezzi è ignoto, ma tutti vociferano di rifiuti smaltiti illegalmente. Una prima ricerca on line conferma le voci e spiega come la criminalità organizzata, tramite eventuali ditte compiacenti, non abbia scoperto proprio nulla: «Già degli studi Enea degli anni ’80 indicavano Pasquasia come possibile sito naturale tra i 170 adatti allo smaltimento di scorie radioattive. Poco dopo, nel 1992, quella che era la miniera più produttiva d’Europa chiude improvvisamente, senza motivo». Da quel momento iniziano i via vai sospetti. E non va meglio alla miniera Bosco Palo, vicino a Serradifalco, nel Nisseno, dove i due giornalisti fanno anche un importante ritrovamento. «Anche qui gli abitanti raccontavano di camion che si dirigevano verso una villetta appena fuori dalla miniera, oggi abbandonata e diroccata», racconta Caia. Quando i due cronisti entrano, trovano le stanze spoglie, senza mobili, forse rubati, ma diversi documenti sparsi per terra. «Quasi un libro contabile di una società attiva fino al ’94 che, invece di smaltire i rifiuti a Forlì come dichiarato, li interrava lì, a Bosco Palo». Documenti subito consegnati alla procura di Caltanissetta, che intanto aveva aperto un’indagine.

Impossibile, dopo tanti anni, risalire ai possibili responsabili. Gli eventuali reati ambientali sarebbero oggi prescritti. Eppure degli interessi di Cosa nostra nel traffico illecito di rifiuti, ricordano i giornalisti nella videoinchiesta, aveva già raccontato il collaboratore di giustizia Leonardo Messina al giudice Paolo Borsellino. «Secondo Messina, dentro la miniera i boss si riunivano e nascondevano armi e scorie», spiega il giornalista. Oggi, però, le risposte giudiziarie potrebbe comunque servire alla popolazione. Che da anni denuncia un aumento anomalo dei fenomeni tumorali e non solo. «Nella parte nord di Caltanissetta il registro tumori esiste da solo un anno – dice Caia – ma i responsabili ci hanno confermato un andamento anomalo delle malattie, anche rare, nonostante l’assenza di industrie». Una cosa è certa: la copertura delle miniere è in amianto e servirà una bonifica. La Procura, intanto, ha già sequestrato le aree. «Mi sembra impossibile perché molte gallerie sono già tappate ma, dopo la bonifica – conclude Caia – se si avrà la forza economica per controllare all’interno delle miniere, si potrà verificare se davvero ci sono scorie e di che tipo».

[Foto di Duhangst]


Dalla stessa categoria

I più letti

Saul Caia e Rosario Sardella, giornalisti freelance siciliani, sono partiti dai racconti dei residenti delle zone di Caltanissetta, Agrigento ed Enna. Per ripercorre il filo dei via vai di camion sospetti dopo che i siti di estrazione erano ormai chiusi da anni e l'alto tasso di tumori nella zona nonostante l'assenza di industrie. In mezzo, inchieste giudiziarie, intrecci politico-mafiosi e nessun controllo. La loro videoinchiesta, finalista al premio Morrione 2012, verrà trasmessa stasera, alle 20.40 su Rai News 24 e in diretta streaming su Rai.tv

Saul Caia e Rosario Sardella, giornalisti freelance siciliani, sono partiti dai racconti dei residenti delle zone di Caltanissetta, Agrigento ed Enna. Per ripercorre il filo dei via vai di camion sospetti dopo che i siti di estrazione erano ormai chiusi da anni e l'alto tasso di tumori nella zona nonostante l'assenza di industrie. In mezzo, inchieste giudiziarie, intrecci politico-mafiosi e nessun controllo. La loro videoinchiesta, finalista al premio Morrione 2012, verrà trasmessa stasera, alle 20.40 su Rai News 24 e in diretta streaming su Rai.tv

Saul Caia e Rosario Sardella, giornalisti freelance siciliani, sono partiti dai racconti dei residenti delle zone di Caltanissetta, Agrigento ed Enna. Per ripercorre il filo dei via vai di camion sospetti dopo che i siti di estrazione erano ormai chiusi da anni e l'alto tasso di tumori nella zona nonostante l'assenza di industrie. In mezzo, inchieste giudiziarie, intrecci politico-mafiosi e nessun controllo. La loro videoinchiesta, finalista al premio Morrione 2012, verrà trasmessa stasera, alle 20.40 su Rai News 24 e in diretta streaming su Rai.tv

Saul Caia e Rosario Sardella, giornalisti freelance siciliani, sono partiti dai racconti dei residenti delle zone di Caltanissetta, Agrigento ed Enna. Per ripercorre il filo dei via vai di camion sospetti dopo che i siti di estrazione erano ormai chiusi da anni e l'alto tasso di tumori nella zona nonostante l'assenza di industrie. In mezzo, inchieste giudiziarie, intrecci politico-mafiosi e nessun controllo. La loro videoinchiesta, finalista al premio Morrione 2012, verrà trasmessa stasera, alle 20.40 su Rai News 24 e in diretta streaming su Rai.tv

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]