Messina, «sistema» usuraio per accesso a Medicina Costava fino a 50mila euro, condannato anche un prof

Da 25mila ai 50mila euro per comprare l’accesso alla facoltà a numero chiuso di Medicina o altri esami universitari. Questo il business smascherato dalla magistratura che, oggi, ha condotto ad alcune condanne eccellenti da parte dei giudici della seconda sezione del tribunale di Messina. Due anni e 8 mesi di reclusione per Marcello Caratozzolo, docente di Statistica e matematica della facoltà di Economia peloritana; dieci anni e sei mesi a Domenico Antonio Montagnese; un anno e quattro mesi a Santo Galati Rando, al quale la pena è stata sospesa e che all’epoca dei fatti era consigliere provinciale; tre anni e otto mesi a Salvatore D’Arrigo, a processo per usura; un anno, con pena sospesa, alla studentessa Alessandra Taglieri; cinque anni a Massimo Pannaci, anche lui accusato di usura. È finito così il processo di primo grado scaturito dall’operazione Campus.

Cade, invece, l’accusa di associazione a delinquere e l’aggravante mafiosa per i quattro maggiori imputati. Cioè Caratozzolo, Galati Rando, ex consigliere provinciale già titolare di alcuni istituti scolastici privati, Montagnese, originario di Fabrizia, provincia di Vibo Valentia, ritenuto collegato alla ‘ndrangheta e organizzatore dei presunti illeciti, e D’Arrigo. Nessun coinvolgimento per l’università di Messina. Per Caratozzolo rimangono due capi d’imputazione per millantato credito. Per Galati Rando e Pannaci è stata decisa l’interdizione dai pubblici uffici per tutta la durata delle pene inflitte. Mentre per Salvatore D’Arrigo l’interdizione avrà una durata di cinque anni.

Lo scorso 14 aprile, il pubblico ministero Liliana Todaro aveva chiesto quattro anni e mezzo per Caratozzolo, quattro per Galati Rando e 17 per Montagnese. I reati iniziali, a vario titolo, erano associazione per delinquere aggravata finalizzata alla corruzione, al millantato credito, voto di scambio e molti altri reati contro la pubblica amministrazione. L’operazione Campus, scattata nel luglio 2013 a opera della Dia, aveva portato alla luce manipolazioni esterne nelle prove di ammissione alle facoltà a numero chiuso (è il caso di Medicina) e agli esami universitari. Oltre a infiltrazioni della ‘ndrangheta.

A governare il sistema, secondo l’accusa, Montagnese, definito «organizzatore e promotore del sodalizio». Tra i nomi eccellenti, quello di Caratozzolo, il quale, secondo il sostituto procuratore Todaro, sarebbe stato il complice interno al più cospicuo canale di guadagno per il 50enne di Fabrizia: l’ateneo peloritano. Secondo gli inquirenti, era il docente a creare la rete di contatti utili al superamento dei test di ammissione a Medicina, di esami universitari o di quelli per diventare dottore commercialista. Stando all’accusa, anche amicizie nelle segreterie facilitavano il «sistema Montagnese».

Oltre alla compravendita degli esami universitari, sembra che Montagnese fosse in grado di assicurare comode raccomandazioni alla Capitaneria di porto di Palermo, alla modica cifra di duemila euro. Questo, sempre secondo l’accusa, grazie a un grosso avvocato che vantava amicizie nel capoluogo.

Sullo sfondo, anche l’usura. Con prestiti iniziali di settemila euro, lievitati fino a 50mila, come nel caso di una coppia di orafi. Montagnese, per avere quella somma – sostiene la pm – percorse tutta la gamma comportamentale del perfetto usuraio: dalla garbata richiesta passò ai solleciti imperiosi, sino a sfociare nelle minacce di morte. Dirette alla vittima, alla moglie, e alla loro bambina di appena sei anni.

Intanto, a commentare la sentenza interviene Santo Galati Rando, all’epoca della denuncia consigliere provinciale: «È stata finalmente accertata la mia totale estraneità a qualsivoglia consorteria criminale — dice — Ritengo che non possa non avere rilevanza il fatto che i signori Montagnese e Taglieri avrebbero votato per un altro componente della mia lista». «Mi ritengo estraneo alla vicenda — conclude — Attendo di leggere le motivazioni».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]