Messina, piano di stabilizzazione precari «Per i lavoratori però stipendi dimezzati»

Duecentottantotto lavoratori precari da assumere a tempo indeterminato con la prospettiva di contratti da 14, 16 o 18 ore settimanali. È questo il quadro offerto alle organizzazioni sindacali dal segretario e direttore generale di palazzo Zanca, Antonio Le Donne, in merito al piano di stabilizzazione varato dall’amministrazione comunale di Messina. Tutto dipende dalle modifiche normative che dovrebbe apportare il decreto enti Locali, al vaglio del Consiglio dei ministri proprio oggi pomeriggio. A meno di novità dell’ultima ora.

La situazione è molto complessa e, secondo la funzione pubblica Cgil, potrebbe condurre, sì, alla stabilizzazione di chi attende tempi migliori da decenni, ma a un prezzo salatissimo. La segretaria provinciale, Clara Crocè, nei giorni scorsi è intervenuta commentando l’unica ipotesi che l’attuale situazione normativa consentirebbe, ovvero l’assunzione a 11 ore settimanali: «I lavoratori, da un giorno all’altro, si ritroveranno stipendi dimezzati, che non consentiranno neanche l’erogazione degli assegni famigliari o del famoso bonus di Renzi. Un contratto a 11 ore per un lavoratore di categoria C1 comporterà uno stipendio di circa 450 euro. Mentre un lavoratore di categoria A avrà uno stipendio pari a 370 euro».

In presenza delle novità attese, tuttavia, potrebbe maturare una situazione non ottimale ma certamente migliore. Qualora i 288 contrattisti accettassero le 14 ore settimanali, l’immissione in ruolo scatterebbe al 31 dicembre prossimo. Se ambissero alle 16 ore, dovrebbero attendere un anno esatto. Per le 18, se ne parlerebbe per la fine del 2017.

Il rischio consiste nel fatto che, rimandando, ci si esporrebbe a possibili variazioni legislative, anche peggiorative. Proprio per questo, Le Donne prende le distanze, ricordando che sarebbero «totalmente indipendenti dalla volontà dell’amministrazione», al pari della «messa in quiescenza dei lavoratori, fenomeno che produce variazioni automatiche dello spazio assunzionale e, dunque, delle possibilità di stabilizzazione».

Comunque vadano le cose, sui dati offerti dalla Fp Cgil non concorda la Cisl, secondo cui la perdita di ore lavorative sarebbe compensata dall’accesso al fondo indennità dipendenti di ruolo e, quindi, al salario accessorio e alla produttività che verrebbero corrisposti al 100 per cento. «Non una posizione di accondiscendenza», quella assunta nei confronti dell’esecutivo municipale, «ma di dialogo costruttivo», in attesa del tavolo del prossimo  

Proprio oggi, i vertici della funzione pubblica Cisl e la Rsu aziendale sono intervenuti, nella sede del sindacato, durante un’assemblea del personale. «Non siamo affatto innamorati o concordi con le 11 o le 14 ore – afferma Calogero Emanuele, segretario generale della Fp – ma con grande realismo e senso di responsabilità tentiamo di strappare le migliori condizioni possibili. Dobbiamo constatare amaramente che la Regione Sicilia ha totalmente scaricato il peso della questione sui Comuni già vessati e con le finanze a lumicino. Se il Consiglio dei ministri dovesse oggi esitare la nuova normativa sulla stabilità finanziaria sarebbe un’ulteriore boccata di ossigeno. La preoccupazione sta nel fattore tempo visto che la mole di procedure per arrivare alla immissione in ruolo è considerevole e il rischio di ulteriori rinvii è molto serio».

«Oggi – aggiunge Gabriella Giannetto, Rsu al Comune di Messina – scontiamo decenni di mala politica che ha rinviato i problemi per non risolverli e siamo di fronte a un bivio: da un lato la possibilità di un contratto a tempo indeterminato a pochissime ore; dall’altro la decisione di affidarsi ancora una volta a proroghe e rinvii, con le strumentalizzazioni politiche che questo comporta e con l’incognita di variabili indipendenti dalla nostra volontà. È necessario che l’amministrazione avvii l’intero iter, faccia chiarezza sulle procedure di aumento delle ore contrattuali e sulla volontà di portare, nel più breve tempo possibile, il contratto a un orario accettabile».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]