Messina Denaro, il figlio della cugina che lo ha ripudiato: «Mi volevano morto. Resto a Castelvetrano senza scorta»

«Proprio adesso non posso andarmene da Castelvetrano, altrimenti vorrebbe dire darla vinta a quelli che avrebbero voluto farmi saltare in aria. Anzi sono loro che se ne devono andare». Giuseppe Cimarosa, 40 anni, è il figlio di una cugina del boss stragista Matteo Messina Denaro e, dopo l’arresto dell’ormai ex superlatitante, è deciso ancora di più a restare nella sua cittadina rinunciando anche alla scorta. «Il boss non l’ho mai visto, eppure la sua presenza è stata tanto vicina da guastarmi la vita», ha raccontato Cimarosa, che da anni ha scelto di stare in modo chiaro dalla parte della legalità, durante il convegno Coraggio, gente! organizzato a Casal di Principe (in provincia di Caserta, in Campania) in vista del 29esimo anniversario dell’omicidio mafioso di don Peppe Diana. «Mia madre e mia nonna sono vere eroine – ha sottolineato Cimarosa – perché hanno rotto consuetudini e modi di pensare radicati, a differenza delle quattro sorelle di Messina Denaro». Rosalia (la madre di Lorenza Guttadauro che è l’avvocata del boss) è stata arrestata la scorsa settimana proprio con l’accusa di associazione mafiosa e per avere aiutato il fratello durante i trent’anni di latitanza.

Il papà di Giuseppe Cimarosa, morto di cancro, fu arrestato due volte e divenne poi collaboratore di giustizia. Tramite le sue testimonianze si è arrivati all’arresto di una delle quattro sorelle di Messina Denaro e a quello del fratello della moglie, Giovanni Filardo. «Per l’arresto di mio zio – ha raccontato il 40enne – fino all’ultimo, mio padre si è scusato con mia nonna. Lei, però, gli ha sempre detto di non sentirsi in colpa. Mia nonna è stata cancellata dagli altri figli, così come mia madre da fratelli e cugini con cui erano cresciuti. Perciò, sono loro la vera mia forza». Quando il padre inizia a collaboratore, per Giuseppe e il fratello Michele, iniziano le minacce e i voltafaccia. «Nessuno veniva più al mio maneggio e mio fratello non riuscì a trovare lavoro. Lui, alla fine, ha ceduto e se n’è andato al Nord dove ha moglie e figli. Io sono rimasto e ho denunciato le intimidazioni – ha ricordato – Dalle intercettazioni è emerso che alcuni consiglieri comunali si auguravano la mia morte e i mafiosi volevano darmela. Eppure Messina Denaro non ha mai dato l’ordine. Poi ho capito perché: era latitante a pochi passi da noi e non serviva alzare un polverone uccidendomi, tanto ci stavano già pensando i concittadini a fare terra bruciata attorno a noi».

Cimarosa denuncia anche di essere «vittima della legislazione antimafia». A causa del padre, infatti, ha subito la confisca dell’abitazione in cui vive e, da un anno e mezzo, pesa su di lui un’ordinanza di sgombero. «Stiamo vedendo con gli avvocati come risolvere, ma lo Stato dovrebbe intervenire modificando la legge e distinguendo caso per caso». Tra gli aneddoti raccontati da Cimarosa c’è anche la visita fatta quando aveva otto anni insieme al padre, alla madre e al nonno a casa di Rosetta Messina Denaro per l’arresto del marito Filippo Guttadauro. Un episodio che l’uomo ricorda come «il momento in cui ho iniziato a prendere coscienza della mafiosità della mia famiglia. Rosetta era davanti al camino e neanche si girò per salutarci – ha ricostruito Cimarosa – Le altre due sorelle, Bice e Patrizia, portarono fuori mia madre e le dissero di non farsi più vedere. Lei, infatti, era considerata già la strana della famiglia perché lavorava come infermiera, aveva sposato l’uomo che amava e aveva denunciato la padrona di casa ai carabinieri». Altro momento di svolta per la vita di Cimarosa è quello dell’arresto del padre: «Avevo 15 anni e iniziai a nascondere la mia identità. Altro choc fu quando vidi il film I cento passi sulla storia di Peppino Impastato, perché capii che non ero solo. Cultura mafiosa – ha concluso – è anche l’arroganza di sentirsi dalla parte del giusto. Da alcune intercettazioni, emerge che Messina Denaro si credeva il salvatore della Sicilia. Ma ha solo rovinato la nostra terra. E il suo arresto non basta, vanno arrestati i colletti bianchi, tutti i professionisti che lo hanno aiutato».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]