Messina, carenze igieniche nei mercati rionali «Ma il problema più rilevante è l’abusivismo»

«Carenze igienico-sanitarie, non adeguata conservazione e trattazione degli alimenti, stalli inesistenti o comunque spazi non rispettati dai commercianti, coperture fatiscenti, impianti di illuminazione non a norma, bagni sporchi, ambulantato selvaggio». Questo il profilo sui mercati alimentari Muricello, Vascone, Sant’Orsola e Zaera reso da una relazione della terza commissione consiliare del Comune di Messina, presieduta da Nora Scuderi. «Tutte condizioni che trasversalmente interessavano e che purtroppo ancora oggi vigono in alcune realtà», viene certificato tramite un report fotografico che non lascia adito a fraintendimenti.

Lo studio prende spunto sia dai lavori in seno alla stessa commissione permanente, sia dalle risultanze di una serie di sopralluoghi svolti recentemente. A corroborare il tutto, la documentazione fotografica allegata. L’organismo, che tra le materie di competenza annovera mercati e legalità, ha avviato gli approfondimenti il 17 settembre 2013. Come si apprende dalla relazione di Scuderi, non sono mancate le «sedute fiume inerenti la salvaguardia e la tutela dei mercati alimentari»: 13 tra il 24 settembre 2013 e il 24 marzo scorso.

Partendo dal sopralluogo dello scorso 14 aprile nel mercato Sant’Orsola, i consiglieri registrano «il profondo scoraggiamento dei commercianti». La problematica era stata sollevata a seguito di una precedente visita, il 19 novembre 2013. Scuderi ricorda che, allora, l’assessore Patrizia Panarello si era impegnata per procedere alla manutenzione ordinaria e straordinaria, «trascurando che il sito è di proprietà dell’Asp». La commissione fa presente l’esistenza di un contenzioso dell’azienda sanitaria con il Comune che, in ogni caso, versa ogni anno 12mila euro per l’affitto, senza che «i commercianti e i cittadini ne abbiano adeguato beneficio».

Durante il sopralluogo del 14 aprile non sarebbero emerse significative novità, «oltre a qualche scerbatura e alla pulizia di qualche griglia». «Si ricorda – dice la presidente – che con l’approvazione della delibera sui fondi Tasi era stata manifestata la chiara volontà del Consiglio comunale di prevedere 600mila euro per il ripristino dei mercati rionali, in particolar modo quello di Sant’Orsola». In realtà, «a seguito dell’indirizzo dell’Amministrazione», di quella somma, «450mila euro sono stati destinati al Muricello e 150mila al mercato ittico». Secondo il report, il «minimo ripristino effettuato al Sant’Orsola» è costato cinquemila euro provenienti da residui comunali, per un importo complessivo di 65mila euro. I restanti 60mila euro sono stati spalmati tra i mercati Vascone e Zaera, per la manutenzione. 

Il 14 aprile è stato anche il giorno del sopralluogo al Muricello: «La struttura presenta diverse problematiche che interessano il piano superiore, quello inferiore e tutto il perimetro. Con grande sorpresa – aggiunge Scuderi – ci si è resi conto che fruivano dell’immobile solo tre commercianti». La commissione si chiede come mai il dipartimento Patrimonio non sia stato investito della ristrutturazione. Chiede ancora di conoscere i contenuti dell’eventuale progetto economico-sociale che la Giunta ha per il sito, per comprendere meglio le ragioni dell’utilizzo dei 450mila euro di fondi Tasi.

Il 21 aprile, tappa al Vascone dove sono stati tinteggiati i muri, sono state apposte le nuove coperture, sono state definite le strisce dei parcheggi e si è provveduto ai servizi igienici. Bisogna però fare i conti con «qualche commerciante che non rispetta la linea designata, o magari con gli ambulanti abusivi che invadono alcuni spazi all’interno, appoggiando gli alimenti a ridosso dei muri. Ma il problema maggiormente rilevante – fa notare Scuderi – è ancora l’abusivismo, che occupa il suolo pubblico sin dall’ingresso del Gran Camposanto». Stando a quanto sostiene la consigliera de Il Megafono, il proposito di Panarello di presidiare ogni mercato con due vigili urbani è rimasto tale.

Il 28 aprile è il turno di Zaera: «È emerso un profondo sconforto perché ancora oggi non è stato fatto nulla. I commercianti sono stati trasferiti in questo contesto nel lontano 1986 e vi dovevano rimanere solo in via transitoria». Le testimonianze dei consiglieri riportano di operatori «organizzati in modo rudimentale, con dei box, incuranti delle norme igieniche. Le tettoie sono pericolanti e sembra assente qualsiasi forma di regolamentazione». «Così come dichiarato da De Cola (Sergio, assessore ai Lavori pubblici, ndr) e in virtù del tanto sponsorizzato progetto del mercato multipiano – ricorda Scuderi – si è fatta richiesta, alla Cassa depositi e prestiti, di un milione 400mila euro. A tutt’oggi si è in attesa di una risposta. Secondo quanto indicato dall’Amministrazione, prima dell’avvio dei lavori i commercianti dovrebbero trasferirsi al mercato ittico ma, a quanto pare, vige il parere negativo dell’ingegnere Pizzino (Mario, dirigente della Mobilità, ndr) per questioni legate alla viabilità».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]