Messina, ad Arcigay immobili confiscati alla mafia «Riscatto dai pregiudizi di cui la Sicilia è vittima»

Luca (nome di fantasia, ndr) ha 16 anni. Un mese fa ha trovato il coraggio di dire ai suoi genitori di essere gay. È stato buttato fuori di casa, ma ha trovato aiuto nell’associazione Arcigay Messina Makwan. Da ieri, per Luca e quanti come lui si trovano in situazioni di difficoltà, ci saranno due nuove strutture. Due immobili confiscati alla mafia – uno ad Acqualadroni e l’altro a Mili Marina, villaggi a nord e sud di Messina – sono stati assegnati all’associazione per realizzare un pronto soccorso sociale e un presidio di accoglienza per il movimento Lgbt. 

«Messina è una città dove gay, lesbiche e transessuali non vivono grosse discriminazioni – spiega Rosario Duca, presidente Arcigay Messina – o almeno secondo le rilevazioni Istat non ci sono denunce in questo senso. Abbiamo aiutato questo ragazzo attraverso i nostri psicologi e gli assistenti sociali. La sua storia – continua – è quella di mille altri ragazzi che vivono la paura di sentirsi rifiutati da coloro che amano di più: i genitori». Ma il caso di Luca dimostra come con l’aiuto di personale qualificato si possa riuscire a recuperare un rapporto che si pensava perso. «La famiglia di questo sedicenne appartiene alla media borghesia – aggiunge Duca -. I suoi genitori sono separati, è stata la madre che a cacciarlo di casa. Adesso, dopo un mese di dialogo con assistenti sociali e psicologi, lo ha riaccolto tra le sue braccia». 

Ma nelle due strutture donate all’associazione troveranno posto non solo gay, lesbiche e transessuali. «Daremo accoglienza, sostegno e aiuto a chiunque ne abbia bisogno, siamo arcobaleno anche in questo. Saremo operativi – conclude – da subito, giusto il tempo di fare il contratto con l’Enel». Ad Acqualadroni ci sarà posto per quattro persone, mentre a Mili marina sorgerà un consultorio. Al suo interno lavoreranno un direttore sanitario che guiderà un team di psicologi e assistenti sociali. In progetto c’è anche l’attivazione di una help-line, un telefono amico per dare risposte subito a chi ne ha bisogno. 

«Si tratta di un progetto che non ha precedenti nel nostro paese e che è stato realizzato grazie al sostegno attivo della amministrazione comunale» spiega Gabriele Piazzoni, segretario nazionale di Arcigay. «È la prima volta che beni confiscati alla mafia vengono assegnati ad Arcigay, voglio ringraziare Rosario Duca e il sindaco Renato Accorinti». A tal proposito, il segretario nazionale di Arcigay ricorda l’impegno dell’assessorato alle Pari opportunità che ha seguito l’iter di assegnazione. «È la prova di un lavoro culturale importante che già da diversi anni sta cambiando il volto della Sicilia – commenta – il riscatto dagli stereotipi e dai pregiudizi di cui questa stessa terra è vittima». 

Dell’importanza dell’assegnazione di beni confiscati a realtà come il movimento Lgbt ha parlato il senatore Pd Sergio Lo Giudice. «Siamo in presenza di un ribaltamento del modello mafioso inteso come sopraffazione, uso della forza e di negazione dei diritti individuali, con l’affermazione della cultura della comunità Lgbt che basa la ragion d’essere sulla difesa degli ultimi».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]