MArteLabel, come vendere dischi in tempo di crisi L’etichetta di un licatese: «Il segreto? Diversificare»

Da quanto tempo non acquistate un disco? Probabilmente la risposta sarà: parecchio. Il mondo cambia, il mercato pure; la musica, invece, esercita sempre lo stesso potere attrattivo su chi la ascolta, e chi ne asseconda le evoluzioni si mostra ancora capace di vendere dischi. È ciò che succede a MArteLabel, etichetta romana che ha fatto della varietà il proprio punto di forza, grazie anche alla visione eclettica di Giuseppe Casa, ideatore dell’iniziativa e licatese d’origine. Sarà forse la capacità di adattarsi a qualsiasi situazione, tratto caratterizzante quasi somatico dei siciliani, ad aver dato linfa vitale ad un progetto che, adesso, rappresenta La Mecca di ogni artista emergente in Italia. 

«La risposta vincente alla crisi, sia della discografia che della cultura – afferma Casa – è diversificare». Continuare come si è iniziato, in questo caso. In origine fu MArteLive, festival multidisciplinare che, a partire dal 2001, ha riunito oltre 16 categorie artistiche in un unico luogo e ha fatto della performance dal vivo l’elemento catalizzatore della commistione tra discipline. Un prodotto che oggi diventa il motore di MArteLiveSystem: «Un sistema di connessione ad ampio raggio, una rete di contatti, eventi, progetti collegati tra di loro». Una factory che, al suo interno, racchiude qualcosa come 24 servizi diversi rivolti ad artisti emergenti e che ricalca esattamente il metodo con il quale era stato organizzato il primo evento: «Se, ad esempio – continua Casa – una band ci chiede una collaborazione per un videoclip, per il lancio di un singolo, o per una copertina con un artwork particolare, coinvolgiamo i vari artisti della nostra rete attraverso una call to action volta a formulare una serie di proposte. È l’arte che aiuta l’arte». 

Un modus operandi diverso dal tradizionale benchmarking, ovvero il confronto sistematico con i competitors e il tentativo di allinearsi alla loro linea di mercato. «Noi andiamo nella direzione opposta, e partiamo da una semplice domanda: cosa serve oggi ad un progetto di musica emergente e, soprattutto, cosa il mercato non gli offre?». Un’azienda giovane, che combina tre elementi in maniera produttiva: il lavoro in team, la capillare presenza sul territorio e quel tocco zen dato dal kaizen, filosofia giapponese che fa passare la crescita complessiva dal miglioramento del singolo. «Per noi la crisi rappresenta lo status naturale delle cose, siamo abituati a lavorare in stato di emergenza, e a partire da questo siamo riusciti a sviluppare ciò che nel marketing è un’innovazione di valore: invece di concentrarci sull’obiettivo di battere la concorrenza, ci poniamo lo scopo di aggirarla creando spazi di mercato nuovi». Come un circuito di distribuzione alternativa, con un catalogo che, negozi di dischi e store digitali a parte, si trova in pub, librerie, club; o un metodo innovativo nella scelta degli artisti, incentrato sulle performance live, «vero core business dell’etichetta». 

In più, c’è una catena di servizi pensata come una piramide: da StartUp, pacchetto di consulenze strategiche utili a un posizionamento sul mercato, a Consulenza Booking, che forma uno o più componenti della band per gestire autonomamente i concerti; da Promo Tour, servizio di ufficio stampa che promuove l’artista nei media di provincia, a Produzioni Artistiche, che offre assistenza per l’incisione di un album. E ancora: Sincro e Sonor, produzione di musiche per sincronizzazioni o sonorizzazioni di mostre, spettacoli teatrali, programmi televisivi o colonne sonore; MArteFunding, piattaforma interna di crowdfunding; Certificazione Opere e Merchandising Artistico, che rendono cd e gadget opere d’arte da veicolare anche in circuiti alternativi a quello discografico. Come una chioccia, dunque, MArteLabel segue la carriera dei propri musicisti, dalla fase embrionale al successo: è il caso dei Nobraino e dei Management del Dolore Post Operatorio, artisti ormai affermati nella scena indie del Paese. Un’altra idea vincente, dalla Sicilia a Marte, passando per la musica.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]