Maltempo, giornata di pre-allarme in Sicilia Un camion dei pompieri finisce su due auto

È
una giornata di pre-allarme in tutta la Sicilia, eccezion fatta per la provincia di Trapani, sul fronte del maltempo. A mettere in guardia è stata la protezione civile regionale con l’ultimo bollettino sul rischio idrogeologico. Fino alle 24 di oggi l’allerta è stata elevata a livello arancione, cioè un passo prima del massimo possibile. Ieri la zona più colpita è stata quella del Siracusano, con numerose strade e case allagate e l’invito alla cittadinanza a non muoversi da casa. E nella notte fulmini e temporali si sono abbattuti sulle province orientali e non solo. 

Ieri sera a
Porto Empedocle, nell’Agrigentino, a causa dell’asfalto reso viscido dalla pioggia, il conducente di un camion dei pompieri ha perso il controllo, in contrada Ciuccafa, sulla statale 115, ed il mezzo è finito su due auto in sosta. A bordo c’erano quattro persone che sono rimaste contuse lievemente e sono state portate al pronto soccorso per accertamenti. Illesi i vigili del fuoco. 

Nel Catanese si attende forte vento, con punte oltre i 40 chilometri orari. Scuole aperte, ma il sindaco di Acireale, Roberto Barbagallo, invita i cittadini alla «prudenza negli spostamenti e soprattutto a tenersi a distanza dai torrenti e dai punti sensibili».

Ad
Agrigento allagamenti si sono verificati nel viale delle Dune, lungomare di San Leone, ed è stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco. Come mostra il video dell’associazione ambientalista Mareamico, il lungomare si è riempito di acqua piovana mista a fogne.

Problema su cui il presidente dell’associazione, Claudio Lombardo, puntualizza: «Questo succede perché nel sottosuolo ci sono un numero notevole di by-pass tra le acque bianche e le acque nere. Quando piove le acque piovane passano in fognatura e fanno esplodere i pozzetti, infatti il puzzo di fogna nel viale delle dune era insopportabile e il colore delle acque era nero. Poi le caditoie ostruite dalla sabbia e la pista ciclabile, che si è comportata come una barriera contro il deflusso delle acque, ha fatto il resto. Questa gran massa d’acqua ha pure fatto andare in tilt la centralina di sollevamento della pubblica sicurezza e le fogne sono andate a finire in mare come sempre, attraverso la condotta sottomarina, a pochi metri dalla riva. Da anni – precisa – Mareamico chiede di istituire una squadra mista tra i tecnici di Girgenti acque e i tecnici del Comune per trovare i by-pass, annullarli e rendere indipendenti i due tipi di condotta (acque bianche ed acque nere) altrimenti questo problema non si risolverà mai».

A Palma di Montechiaro allagato il centro storico, con l’acqua che è penetrata in alcuni locali al piano terra. A Sciacca il vento ha causato la rottura di due cavi dell’Enel e sono intervenuti i pompieri e gli operai dell’Enel per il ripristino.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]