Mafia San Lorenzo, pizzo pagato per quasi vent’anni «Qualcuno denuncia, ma troppe sacche di omertà»

Riuscivano a godere di una tregua dalle richieste dei taglieggiatori solo dopo un’operazione antimafia. Dopo la quale seguiva, in genere, una breve parentesi di serenità. Ma i boss di Resuttana e San Lorenzoquelli colpiti dal blitz di oggi, non perdevano troppo tempo a riprendere le fila dei vecchi affari, tornando di nuovo a bussare ai negozi dei commercianti segnati sulla loro lista. Tra loro, però, qualcuno ha deciso di denunciare, stanco di vessazioni lunghe quasi vent’anni. Come successo a un noto bar vicino allo stadio Renzo Barbera e a un ristorante in via Resuttana. Una ribellione che ha contribuito all’operazione messa a segno questa mattina, che ha portato a dieci misure cautelari, di cui otto notificate a uomini già detenuti, colpiti da blitz del passato. Tutti gli indagati sono accusati di estorsione, con l’aggravante di avere favorito Cosa nostra.

«Le indagini si sono concentrate su diverse richieste estorsive e hanno visto soprattutto la collaborazione di due imprenditori – sottolinea Dario Ferrara, comandante del Nucleo investigativo dei carabinieri di Palermo -, taglieggiati negli ultimi vent’anni. Già nel 1997, quando è stata acquisita la proprietà della pizzeria, fin da subito i titolari sono stati costretti a pagare il pizzo, cui si sono piegati di sicuro fino al 2014. La richiesta all’epoca era di sei milioni di lire, che si è poi trasformata in tremila euro e infine nell’ultimo periodo in millecinquecento euro. Il commerciante era costretto a pagare una prima tranche di 750,00 euro prima di Natale e la stessa somma a Pasqua». Un modus operandi ormai noto, già visto ad esempio anche in occasione dell’operazione Talea, cui fa seguito proprio quella di oggi, messa a segno a dicembre dell’anno scorso. 

Il mandamento del clan Resuttana-San Lorenzo, nonostante i continui arresti anche di personaggi di spicco come Maria Angela Di Trapani, moglie di Salvino Madonia (condannato all’ergastolo per l’omicidio di Libero Grassi), avvenuto lo scorso 5 dicembre, avrebbe da sempre incentrato i suoi affari nella richiesta del pizzo. «È una fondamentale forma di controllo del territorio – continua Ferrara – e nelle diverse zone della città, anche se non l’unica forma di affari». Secondo gli investigatori fondamentale alle indagini, oltre alle dichiarazione delle vittime del racket, anche le dichiarazioni del collaboratore Sergio Macaluso, arrestato nel dicembre scorso, esponente della famiglia mafiosa di Resuttana. «Le sue collaborazioni hanno avvalorato un quadro probatorio già granitico. È emerso infatti uno spaccato purtroppo noto, ovvero la richiesta a tappeto del pizzo. Fenomeno che tuttavia grazie alle prime collaborazioni delle vittime si va pian piano sgretolando. Capiamo benissimo che si può avere paura a denunciare, ma qualcuno come in questo caso l’ha fatto, stanco di vent’anni anni di vessazioni e noi siamo rimasti sempre al loro fianco. In questo episodio i commercianti continuano serenamente a svolgere le loro attività e noi non li abbandoniamo mai. Loro più volte negli anni hanno tentato di alzare la testa e ribellarsi e finalmente ci sono riusciti. Durante le intercettazioni avevamo scoperto che gli estortori erano pronti ad andare a mettere il famoso Attack nelle saracinesche».

Nell’attività investigativa un ruolo di aiuto e sostegno alle vittime del racket è stato svolto soprattutto dall’associazione Addiopizzo. «Anche in questa occasione, così come avviene oramai da dieci anni, abbiamo seguito, supportato ed accompagnato i titolari di una rinomata attività economica a denunciare anni e anni di estorsioni subite da più soggetti che si sono avvicendati nel tempo e nella riscossione», scrivono i volontari in una nota. «È stato grazie ad un percorso continuo di ascolto e sostegno, durato circa un anno e mezzo, che gli imprenditori in questione hanno maturato la scelta di denunciare e scrollarsi di dosso fardelli così pesanti – prosegue l’associazione antiracket -. Lo abbiamo affermato diverse volte, ma è bene ribadirlo con forza, anche perché continuiamo a registrare sacche di commercianti ed imprenditori che continuano a pagare le estorsioni e non denunciano, è questo il momento favorevole per abbattere il muro di omertà».

In questa seconda fase dell’operazione Talea sono otto i destinatari già detenuti in carcere per mafia: si tratta di Pietro Salsiera e Giovanni Niosi arrestati nel blitz Talea di 11 mesi fa, di Giuseppe Fricano, Antonino Siragusa, Antonino Tarallo e Michele Pillitteri catturati nell’operazione Apocalisse del 2014, di Salvatore Di Maio in cella dal 2011 e di Mario Napoli preso l’anno prima. Invece sono due gli arrestati prelevati all’alba nelle loro abitazioni dai militari: si tratta di Antonino Cumbo e Carlo Giannusa. Restano invece indagati a piede libero Sergio Napolitano, Luigi Siragusa, Corrado Spataro e Vincenzo Di Maio.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]