Dal Madagascar a Palermo per diventare ingegnere: «Senza i miei colleghi non ce l’avrei fatta»

Un viaggio lungo dal Madagascar alla Sicilia per coronare il sogno di diventare ingegnere. Questa è la storia di Irina Sambatra Rakotoniaina, il 25enne che si è laureato in Ingegneria gestionale all’università di Palermo lo scorso 24 luglio. Ma la particolarità di questo racconto sta nel fatto che Irina non è mai stato solo nelle sue notevoli difficoltà: i colleghi, oltre a essere dei compagni di viaggio, sono stati un pilastro sorreggendolo dall’inizio alla fine del percorso universitario. Il 25enne racconta dei suoi primi tempi a Palermo a MeridioNews: «Avevo molte difficoltà con l’italiano. Dopo la cena nella mensa della Santi Romano stavo con i ragazzi a praticare la lingua. Mi aiutavano a superare il blocco attraverso appunti ed esercizi».

Se agli inizi la borsa di studio era stata un grande aiuto, al terzo anno la situazione è cambiata in modo radicale poiché Irina non aveva superato abbastanza materie per partecipare al bando di concorso indetto dall’Ersu. In questo contesto l’idea che i colleghi fossero famiglia ha assunto sempre più concretezza tanto da arrivare a dividere parte dei loro pasti con lui per mesi e mesi. Anche studiare iniziava a diventare difficile, soprattutto durante il periodo Covid. Una volta superato quest’ultimo, il 25enne ha trovato un lavoro per la stagione estiva 2022 in Sardegna che gli ha permesso di mettere di lato dei risparmi in modo tale da poter rimanere tutto l’anno nel capoluogo siciliano: «Così ho finito la triennale, dopo tanto tempo. Non potevo rimanere in Italia dopo aver perso la borsa di studio, senza famiglia e senza casa. Dovevo lasciare l’università ma sono stato fortunato ad aver avuto degli amici che mi hanno aiutato con il cibo, con l’alloggio e con i soldi. Fino alla fine – sottolinea Irina – loro mi sono stati vicini. Mi hanno incoraggiato e si preoccupavano di me. Senza di loro sarei già tornato a casa».

Una testimonianza arriva a MeridioNews proprio da uno dei punti di riferimento di Irina, Carlo Milioto. Anche lui studente di UniPa, ha avuto l’opportunità di conoscere il 25enne all’interno dello studentato della struttura Santi Romano dove vivevano entrambi. Da lì è nata un’amicizia che si è consolidata nel corso del tempo e che si è rivelata un valido aiuto: «Ingegneria è una facoltà impegnativa e lo è ancora di più quando non si conosce bene la lingua italiana. Stare molto tempo insieme – afferma lo studente – ha aiutato Irina ad acquisire conoscenze linguistiche. Mi ha stupito perché non si è fatto scoraggiare dalle numerose difficoltà che ha incontrato». Se molti studenti siciliani hanno la possibilità di tornare a casa in determinati periodi, per il 25enne non è stato possibile proprio per via dei molti chilometri che lo separavano e continuano a separarlo – poiché proseguirà la magistrale nel capoluogo – dalla sua famiglia: «Ma ha trovato nel nostro gruppo il supporto necessario per superare queste sfide, tra cui la revoca del posto letto nel caso in cui non si riesca per tempo a raggiungere un certo numero di CFU. Traspare da questo ragazzo una grande maturità e la capacità di perseguire i suoi obiettivi», conclude Milioto.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]