Lombardo, Cosa nostra e le richieste di condanna Giornata in aula fra thè, sorrisi e cirnechi dell’Etna

«Raffaele Lombardo nel tempo ha creato un rapporto con Cosa nostra. Ci sono indizi gravi e precisi e le prove dei rapporti con i boss». Quando la procuratrice generale Sabrina Gambino conclude la requisitoria del processo di secondo grado e chiede la condanna a sette anni e otto mesi per l’ex presidente della Regione siciliana, sono da poco passate le 14. Lombardo è seduto ormai da ore accanto al suo avvocato Alessandro Benedetti, in un’aula quasi deserta ascolta in silenzio chi lo accusa senza giri di parole di concorso esterno in associazione mafiosa

A lui toccherà parlare a inizio dicembre quando renderà dichiarazioni spontanee. «Cosa nostra si è messa in gioco per lui», continua Gambino. Il riferimento è a quelle che la stessa procura generale ha definito «le tessere di un mosaico». Pezzi che corrispondono a nomi, collaboratori di giustizia, incontri e presunti summit di mafia. Un grosso insieme di fatti, date e intercettazioni che è stato sviscerato durante la requisitoria. È il secondo capitolo di una storia giudiziaria che nel primo aveva avuto i titoli di coda con la condanna dell’ex governatore, da parte della giudice Marina Rizzaa sei anni e otto mesi. Il processo si era concluso con l’assoluzione per voto di scambio

Nella mia campagna sono nati sei cirnechi dell’Etna

Tra i nodi che i giudici, presieduti da Tiziana Carrubba, dovranno sciogliere e valutare c’è il presunto faccia a faccia che Lombardo avrebbe avuto in passato con alcuni boss di primo piano: Francesco La Rocca, Raimondo Maugeri e Alfio Mirabile. A raccontarlo ai magistrati è stato l’ex reggente, pentito dal 2012, Santo La Causa. Spiegando di una rilevazione che gli avrebbe fatto il boss del quartiere Civita Carmelo Puglisi. ll collaboratore faceva riferimento anche alla festa di scarcerazione di Maugeri, intenzionato a riprendere i contatti con Lombardo tramite il suo autista. Il reggente della famiglia Santapaola verrà ucciso nel 2009 in un agguato. Un rapporto tra Lombardo e i capi di Cosa nostra che viene definito dalla magistrata Agata Santonocito «sotterraneo». In mezzo ci sono gli imprenditori collusi, inseriti a pieno titolo in una sorta di zona grigia che consente loro di «muoversi nel settore della pubblica amministrazione. Quello da dove provengono i soldi».

Prima della richiesta di condanna Lombardo resta seduto per quasi due ore. Sul tavolo ha il suo inseparabile thermos pieno di thè caldo. Tra un bicchiere e l’altro c’è anche spazio per qualche sbadiglio. Il tempo e le accuse vengono sviscerate senza sosta e l’ex politico autonomista lo inganna mordendo con i denti il tappo di plastica della sua penna Bic. Il suo legale Benedetti alterna qualche sorriso a qualche colpo sulle tempie quando le magistrate iniziano a fare riferimento alle parole di Giuseppe Tuzzolino. Il dichiarante, finito sotto il regime di protezione, che ha puntato il dito contro Lombardo. «La difesa lo ha accusato di essere un calunniatore ma non è così – spiega Santonocito – nonostante le difficoltà nel trovare riscontri». Il riferimento è ai tre presunti summit che sarebbero stati organizzati per reperire voti a Lombardo in provincia di Agrigento

Tra i nomi che vengono citati ci sono anche quelli di Angelo Lombardo, ex parlamentare fratello di Raffaele, e del geologo Giovanni Barbagallo. Quest’ultimo ritenuto dall’accusa l’elemento di collante tra mafia, politica e imprenditoria. Nel maggio 2008 nella sua tenuta di campagna di Ramacca viene organizzato un pranzo per festeggiare l’elezione del fratello dell’ex presidente regionale. A quel tavolo, oltre a Barbagallo – poi condannato per mafia -, ci sono anche donne, bambini e Alfio Stiro. «Che con certezza può essere annoverato nella categoria dei mafiosi», incalza l’accusa. In aula vengono lette decine di intercettazioni, le stesse che la difesa ha citato come elementi in cui non si trova mai traccia della voce di Lombardo. «Noi le vorremmo organizzare come il Grande fratello ma non è possibile», aveva detto nelle precedenti udienze Santonocito. Con i prossimi appuntamenti già in calendario la sentenza potrebbe arrivare nei primi mesi del 2017. Tra appunti e organizzazione delle tesi difensive Lombardo avrà anche altro di cui occuparsi, come spiega durante una pausa. «Nella mia campagna sono nati sei cirnechi dell’Etna. Devo vedere come piazzarli». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]