Lo sciopero dei Navigator e l’attesa per una nuova proroga In Sicilia sono 330. «Errore disperdere le loro competenze»

Un primo maggio da disoccupati. È il rischio che corrono 1838 navigator, i cui contratti co.co.co, dopo due proroghe, andranno in scadenza il prossimo 30 aprile. Per questo motivo oggi si sono dati appuntamento in diverse città italiane, tra cui Palermo. Nel capoluogo siciliano il sit-in comincerà alle 15, davanti alla sede della prefettura in via Cavour. In Sicilia i navigator attualmente operativi sono 330, tutti assunti nel 2019 da Anpal Servizi dopo avere superato un concorso pubblico. Nelle previsioni iniziali dovevano essere affiancati agli impiegati dei Centri per l’impiego, i vecchi uffici di collocamento, per occuparsi di politiche attive del lavoro e reddito di cittadinanza ma di fatto i navigator hanno messo più di una toppa all’intero sistema, anche sostituendosi agli impiegati regionali. Nel corso degli anni, tuttavia, il loro numero si è ridotto, considerata la precarietà dell’inquadramento lavorativo e le scarse prospettive di stabilizzazione.

Il ministero del Lavoro Andrea Orlando, il 29 marzo, aveva chiesto 72 ore per convocare le organizzazioni sindacali e affrontare la questione ma il faccia a faccia non si è mai svolto. «Riteniamo che in una terra come la Sicilia, vista la grave carenza dei servizi per l’impiego, sarebbe un grave errore disperdere queste competenze e professionalità», spiegano dalle organizzazioni sindacali. A pochi giorni dalla scadenza dell’ultima proroga, da più fronti del mondo politico è arrivato il sostegno, forse inaspettato, alla categoria. Un cambio di rotta dopo anni di critiche e interrogativi sull’utilità del reddito di cittadinanza, misura di sostegno economico ideata dal Movimento 5 stelle e il cui percorso cammina di pari passo con le funzioni degli stessi navigator. «Sono il primo a riconoscere che queste persone si sono impegnate con lealtà, determinazione e professionalità per cercare di dare un contributo – ha detto alla Camera il parlamentare di Forza Italia Paolo Zangrillo – Tuttavia, per dare un contributo nel mestiere che avrebbero dovuto svolgere occorre essere inseriti in un’organizzazione che funziona. Oggi, i centri per l’impiego italiani sono strutture che non funzionano».

Su quest’ultimo punto, secondo il piano straordinario di potenziamento messo a punto dal ministero del Lavoro, in Italia dovrebbero essere assunti 11.600 lavoratori, da sommare agli ottomila già operativi. Un bacino di quasi 20mila impiegati su cui però pesano i ritardi delle Regioni e la possibilità, annunciata dallo stesso ministro Orlando, di avviare una sorta di commissariamento per chi è in ritardo nelle procedure. In Sicilia i posti disponibili sono poco più di mille ma le domande presentate sfiorarono le 200milaTra i partecipanti ci saranno anche molti navigator ma per loro non è stata prevista nessuna corsia preferenziale dovuta all’esperienza, contrariamente a quanto avvenuto per i dipendenti regionali. La procedura di concorso, come annunciato al programma Direttora d’aria (in onda su Radio Fantastica e Sestarete Tv) dall’assessore regionale al Lavoro Antonio Scavone, dovrebbero partire il 2 maggio

La Sicilia è la seconda regione d’Italia per numero di beneficiari del reddito di cittadinanza. Secondo l’ultimo rapporto pubblicato da Anpal, chi dispone del sostegno economico nelle ripartizioni del Nord e del Centro presenta complessivamente i valori più elevati di nuova occupazione. Valori minori si registrano invece nel Mezzogiorno (27,5 per cento nel Sud e 25,7 per cento nelle Isole). Al Sud Campania e Sicilia registrano rispettivamente il 22,5 e il 23,8 per cento, a fronte di valori prossimi o superiori al 50 per cento per Valle D’Aosta, Friuli Venezia Giulia e la Provincia autonoma di Trento.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]