L’intervista a Serena Caredda, la vincitrice della 34esima edizione di Una ragazza per il Cinema

La 34esima edizione del concorso Una ragazza per il Cinema 2022 ha regalato emozioni e profili interessanti. Dopo anni difficili per il mondo dello spettacolo, ora si può dire che l’estate appena trascorsa ha rilanciato un settore che ha sofferto non poco. E la voglia di ripartire adesso consegna una grande boccata d’aria. Il teatro antico di Taormina e tanti ospiti nazionali e internazionali sono stati gli elementi per trasformare da sogno a realtà la vittoria del concorso Una ragazza per il Cinema per Serena Caredda. Diciotto anni, originaria di Sernobì (in provincia di Cagliari, in Sardegna) è lei la regina del concorso. Ha stupito tutti non soltanto con lo charme ma anche con il talento. Così ha messo tutti d’accordo: giuria e pubblico.

Un’edizione quella del 2022 che ha avuto risalto anche per avere consegnato alcuni validi profili per lo spettacolo, il cinema e la moda. Come ogni anno, il concorso ha riscontrato interesse da Nord a Sud e sono tante le regioni che aprono le porte e le possibilità alle ragazze. Un successo ottenuto tramite uno staff che lavora durante tutto l’anno. I patron Daniela Eramo e Antonio Lo Presti vanno oltre la ricerca della bellezza ed è questo il loro mantra che fa la differenza.

Perché hai scelto di partecipare a questo concorso?
«Inizialmente non volevo partecipare, ma il mio istinto mi diceva: “Provaci, buttati”. Ho voluto portare qualcosa di diverso dagli altri, volevo lasciare un segno. Nella serata talento ho portato più cose insieme, ho suono il flauto traverso. Questo perché mi sono diplomata quest’estate al liceo musicale e di questoho fatto una mia forza. Ho fatto partire un suono come se fosse un cortocircuito. In tutto questo, la mia faccia confusa ha fatto la sua parte. È stato davvero curioso. La musica, la danza e la recitazione è tutta arte».

Chi è Serena Caredda, descriviti un po’…
«Sono una ragazza solare. Amo sorridere e amo la vita. Mi piace l’arte in tutte le sue forme, non solo la musica. In passato sono stata anche una ballerina e adesso non vedo l’ora di cimentarmi nella recitazione. Anche se per poco, ho già svolto delle lezioni. Sono determinata e anche un po’ testarda per raggiungere i miei obiettivi».

Quanto è stato importante affidarti a una agenzia di moda come la Fashion Squad Agency? Che ruolo svolgono per voi?
«È molto importante affidarsi a loro. Ti aiutano a crescere professionalmente e umanamente. Per me sono davvero delle persone speciali. Antonella Mennella e Francesco Locci mi hanno fatto sentire sempre come se fossi a casa, curando i minimi dettagli per tutto il percorso. Mi seguono da quando avevo 14 anni. Ringrazio tutto lo staff perché se oggi sono quello che sono è anche grazie a loro».

Con la vittoria ti sei aggiudicata una borsa di studio. Adesso avrai l’opportunità di studiare recitazione nello Studio cinema per un anno accanto ai maestri del cinema come Muccino, Ozpetek e Avati. Hai un personaggio dello spettacolo che ammiri e segui in particolare?
«Un’attrice che mi piace molto è Angelina Jolie. Mi sono innamorata del film Mr e Mrs Smith insieme a Brad Pitt. La sua interpretazione è stata perfetta».

Hai avuto con te un portafortuna? Adesso puoi svelarlo.
«Nel posto dove lavoravo prima di partire per il concorso, mi regalarono una maglietta con scritto bagnino. Da lì mi hanno detto che mi avrebbe portato fortuna, e così è stato».

Cosa significa essere belle, cosa rappresenta per te?
«Per me la bellezza è molto importante, ma non dobbiamo dimenticarci di essere belli dentro. Una persona si può definire veramente bella quando dentro ha qualcosa di veramente speciale».

Nei concorsi di bellezza la competizione tra di voi lascia l’aspetto amicizia in secondo piano? Cosa porti con te?
«Io mi sono divertita moltissimo, legando con molte ragazze. Mi porto delle amicizie, non solo il gruppo della Sardegna ma anche dalle altre regioni. Un ambiente sereno e tutte persone socievoli. Noi ragazze eravamo tutte unite e ci sostenevamo a vicenda».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]