Linguaglossa ricorda il professor Giuseppe Dato «È stato un vero pioniere, formava giovani liberi»

«È stato un pioniere sotto tanti punti di vista e l’importanza della sua figura sta in questo oltre al fatto che, contrariamente a tanti maestri che vogliono che gli allievi si occupino del loro stesso percorso, era molto laico e aperto e formava i più giovani lasciandoli liberi di seguire il proprio ramo». 

Tra questi, il professore di tecnica e pianificazione urbanistica dell’università di Architettura di Siracusa, Fausto Nigrelli, che considera l’architetto Giuseppe Dato, originario di Linguaglossa, come un vero maestro anche di trasparenza e democrazia.

Lo racconta spesso ai suoi studenti e ai concittadini, che domenica 8 ottobre ricorderanno il docente, scomparso sette anni fa, in occasione di Leggere le trame urbane. Conversazioni sull’opera di Giuseppe Dato, un incontro organizzato dall’associazione Cultura Aetnae alla Casa San Tommaso – Colonnato dei Domenicani di Linguaglossa.

«Giuseppe Dato – spiega Nigrelli – appartiene a una generazione che, probabilmente, è stata la prima a sprovincializzarsi dopo la guerra». Negli anni ’60, infatti, Dato va a studiare a Venezia, dove l’istituto universitario di architettura era una delle scuole più prestigiose al mondo ed era frequentato dai più grandi architetti urbanisti italiani

«Questo ragazzo dal profondo Sud entra così a contatto col mondo – racconta il professore – acquisendo una certa conoscenza dell’urbanistica avanzata e convincendosi, come tanti altri coetanei, di dover tornare nella sua provincia e spendersi per migliorare le condizioni del Sud». 

E sceglie di farlo dall’università. «Non appena rientrato – ricorda – fu chiamato a insegnare nella neonata facoltà di Ingegneria dell’università di Catania, prima disegno e poi urbanistica, ambito che gli consentiva di unire le due passioni per l’architettura e per la situazione politico-sociale».

Nel ‘94 Dato vince la cattedra a Messina e, dal 2000, contribuisce alla nascita della branchia di Siracusa, di cui è stato preside fino alla morte. «È importante ricordarlo e tramandarne la memoria anche per alcune delle sue ricerche – continua il professore. Il libro pubblicato nell’83 La città di Catania, che ricostruisce le vicende urbane della città dal terremoto del 1693 alla metà dell’Ottocento, è irrinunciabile per chiunque voglia capire Catania contemporanea, così come altre pubblicazioni che raccontano dall’unità d’Italia fino agli anni successivi alla seconda guerra mondiale». 

Tanta è stata anche l’attenzione rivolta dal professor Dato alla cosiddetta città marginale formata dalle comunità periferiche abbandonate e tenute ai margini. «Parlò dei centri storici quando erano abbandonati da tutti – sottolinea Nigrelli – e spese tante energie per accendere i riflettori sulle periferie e sui paesi in via di sviluppo».

L’iniziativa di domenica «vuole essere un momento per evidenziare lo straordinario valore del genius loci – commenta l’assessore alla cultura di Linguaglossa, Andrea Giuseppe Cerra – e, nello specifico, il linguaglossese illustre Giuseppe Dato e ripartire dalla sua visione di rigenerazione degli spazi. Ci inorgoglisce – conclude l’assessore – che l’evento sia stato sposato dai più autorevoli istituti culturali della Sicilia orientale».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]