Learn by movies, una rassegna d’altri tempi Lascia, ma forse raddoppia in versione estiva

Immaginate un elegante cinema monosala d’altri tempi, di quelli con tribuna e platea, col tetto apribile e un’architettura anni ‘30. Immaginatelo pieno come un uovo, tutti e seicento i posti occupati, un pubblico variegato che va dall’insegnante di tedesco in pensione allo studente con annessa comitiva, fino alla coppia in Erasmus a Catania, lei francese, lui un po’ meno, ma qualcosa proverà a capirla. Sullo schermo del cinema Odeon non stanno scorrendo le immagini dell’ultimo Avengers, ma quelle di una straordinaria Marion Cotillard che lotta incessantemente per salvare il proprio posto di lavoro, tra solidarietà e indifferenza dei compagni di lavoro. Il film, Deux jours, une nuite, dei fratelli Dardenne è un raro caso di cinéma du reel dove non esiste retorica, non si lascia spazio nemmeno alla colonna sonora, c’è solo il volto smagrito della protagonista a lungo inquadrato in maniera ossessiva, con tutto il suo carico di sofferenza e orgoglio. Qualcuno del pubblico si emoziona, qualcuno si annoia, qualcuno applaude, qualcuno spera che il prossimo film, Relatos Salvajes, sia almeno divertente. È il bello dei cineforum aperti a tutti.

Learn by movies ha infatti come caratteristica primaria, quella di non negare l’accesso a nessuno: una rarità, di questi tempi, una qualità abbondantemente ripagata dalla massiccia presenza di un pubblico di fedelissimi, che non ha perso l’occasione di godersi i sette film in programma per questa dodicesima edizione. Ogni spettacolo serale ha registrato il tutto esaurito. Contando anche gli spettacoli pomeridiani si può dedurre che i film in lingua originale saranno visti da più di cinquemila spettatori. Applausi a fine proiezione, richieste di bis sulla affollatissima pagina facebook, centocinquanta romanzi regalati alla proiezione inaugurale grazie al sostegno della #ioleggoperché, e gli amatissimi segnalibro, uno per ogni film, che ormai fanno tradizione.

Nata nel 2001, grazie al sostegno dell’Ersu, la rassegna si è ormai affermata come una delle iniziative più entusiasmanti dell’ateneo di Catania e del suo Centro linguistico multimediale, in grado di abbracciare un pubblico ampio, di stimolare l’apprendimento delle lingue straniere e di far scoprire film che altrimenti molti giovani non avrebbero scoperto. La rassegna si avvia alla conclusione, mancano infatti gli ultimi due appuntamenti. Le date sono quelle del 25 maggio con Nightcrawler – Lo sciacallo, l’ultimo dei film proiettati al cinema Odeon, e il 1 giugno con Barry Lyndon, a quarant’anni dalla prima edizione, che inaugurerà la stagione estiva dell’Argentina gentilmente concessa da Cinestudio Catania. «Siamo onorati che quest’anno l’ultima serata del Learn by movies si svolga all’arena, peraltro con un capolavoro del calibro di Barry Lyndon, in copia restaurata – afferma Alberto Surrentino, responsabile del Cinestudio – Come Arena Argentina e Cinema King siamo da sempre in prima linea nella promozione dei film in lingua».

Learn by Movies XII edizione dunque lascia. Ma forse raddoppia con un’edizione summertime. È infatti possibile che l’ateneo inserisca un sequel del cineforum nella rassegna Studia con noi. Porte aperte alla musica, al cinema e al teatro, il cui programma verrà annunciato il 28 maggio in una conferenza stampa del rettore Giacomo Pignataro. Lo sperano ardentemente tutti gli appassionati di cinema, una passione da coltivare tra i giovani.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]