Le pagelle di Ciccio: cloniamo De Rossi!

Ancora un pareggio, come all’esordio. Questa volta le attenuanti sono davvero scarse, perché la Nuova Zelanda non vale certamente il Paraguay, anzi. L’Italia è stata colpita a freddo, nell’unico tiro in porta di tutta la partita. I successivi ottantatré minuti sono serviti solo a raggiungere uno striminzito pareggio. Guardando in casa delle altre grandi c’è da dire che non siamo messi troppo male, ma i timori della vigilia sono stati tutti confermati. Non abbiamo fantasia in attacco e le punte sono troppo isolate. Non abbiamo degli esterni veloci e abili nel cross. La difesa, punto di forza quattro anni fa, perde pezzi. Le uniche note positive arrivano dai giovani, Montolivo su tutti, e da qualche anziano rinvigorito. Ma ancora non è sufficiente. In attesa dell’impegno conclusivo di giovedì prossimo, ecco i voti di Italia-Nuova Zelanda.

 

Italia

 

Marchetti S.v.

Non ha toccato un pallone. Ha subito un tiro in porta e un goal. Solo nel secondo tempo ha visto due miseri palloni arrivare dalle sue parti, e lui era pronto.

 

Zambrotta 7

Dov’era finito? Se lo saranno chiesto in molti, soprattutto i milanisti. È stato il migliore, spinta costante sulla fascia, pericolo al tiro, ha rischiato di metter dentro il goal della vittoria. È ringiovanito di quattro anni.

 

Cannavaro 5,5

Non è stato quasi mai impegnato, ma ha sbagliato l’unico cross pericoloso arrivato in area. Trentasei primavere sono tante, e i riflessi cominciano a scarseggiare.

 

Chiellini 6

Vale lo stesso discorso fatto per il compagno di reparto. Poco impegnato dagli attaccanti avversari, si limita al compitino.

 

Criscito 5,5

Meno disinvolto e sicuro della prima uscita. Non ha spinto dalla sua parte e dietro è stato spesso saltato con troppo facilità.

 

Marchisio 5

Non si è visto per tutta la partita. È un talento, ma viene schierato fuori ruolo. Non è un trequartista, non è un esterno. Gioca appena dieci minuti da interno di centrocampo, poi viene sostituito. Impalpabile.

 

De Rossi 6,5

Ancora una volta ci salva la faccia. Si va a conquistare il rigore, confermando di essere il nostro attaccante più pericoloso. Dovremmo clonarlo.

 

Montolivo 7

Nel primo tempo parte accanto a De Rossi, giocando con diligenza. Timbra anche un palo clamoroso. Nella ripresa fa finalmente il vice Pirlo facendosi trovare con costanza tra le linee avversarie. È l’unico capace di creare pericoli.

 

Pepe 6

Cambio a sorpresa. Non aveva sfigurato nel primo tempo, si stava muovendo bene, come contro il Paraguay. Non andava tolto.

 

Camoranesi 5,5

Il suo innesto ha sorpreso un po’ tutti. Ancora una volta non è riuscito a cambiare marcia alla squadra, solo un destro dalla distanza ben respinto dal portiere avversario. Serve più grinta, e più gamba.

 

Iaquinta 6

Ha il merito di trasformare il rigore che ci tiene al Mondiale. Ma poco altro. Gli capitano due buone  occasioni dentro l’area, non le sfrutta.

 

Di Natale 5

È l’unico giocatore di qualità che abbiamo, tutti lo invocano, ma come sempre i goal che fa in campionato in Nazionale non arrivano.

 

Gilardino 4,5

Non si è visto. Non ha fatto praticamente nulla. A meno di grosse sorprese il suo mondiale potrebbe già essere finito.

 

Pazzini 5

Non è facile esordire al mondiale, certo che anche lui si è visto solo per un appoggio malamente sbagliato.

 

Nuova Zelanda

 

Paston 6,5

Le uscite dovevano essere il suo punto debole. Invece è stato molto bravo sia tra i pali che fuori.

 

Nelsen 7

Un muro. Ha respinto tutto, anche l’ultimo tiro di Zambrotta che sarebbe finito dentro.

 

Smeltz 6,5

Ha dovuto fare il difensore per contrastare il suo dirimpettaio. Però ha avuto un’unica occasione è l’ha sfruttata al meglio, da attaccante.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]