L’attualità del cinema

Gattaca – La porta dell’universo. Un film di Andrew Niccol uscito otto anni fa che molti ricorderanno. Di fronte all’ immagine di un futuro dove il codice genetico rappresenta l’inappellabile discrimine che segna il destino di tutti come individui validi o non validi, è fin troppo comprensibile condividere un punto di vista altrimenti difficile da sostenere.

 

La pellicola di Niccol mostra come la diagnosi fetale possa determinare la sorte di ogni embrione. E non è senz’altro la sola che dipinga un quadro tanto fosco, particolarmente quando descrive l’avvento di un sistema che potrebbe un giorno controllare ogni aspetto della nostra esistenza. Ma il film che vede contrapposti Ethan Hawke e Jude Law sa essere toccante. E’improbabile che lo spettatore cinematografico abbia tratto una conclusione del genere. C’era un montaggio che non lo consentiva. Ma noleggiando il DVD di Gattaca, è possibile scoprire, fra le scene tagliate, un finale alternativo, probabilmente rifiutato dal producer, e che decisamente invita ad una seria riflessione. “Non esiste un gene per lo spirito umano”. E’ con queste parole che si apre quella che avrebbe potuto essere la sequenza finale del film, con alcuni shots dei nomi della storia che non sarebbero mai stati se il DNA avesse fatto la differenza (John Fitzgerald Kennedy aveva il morbo di Addison N.d.R.).

 

In questi giorni, a poche settimane dai quattro referendum parzialmente abrogativi della legge 40 sulla procreazione medicalmente assistita, il dibattito sui diritti dell’embrione torna drammaticamente alla ribalta. Sono in molti coloro che hanno definito come insensata una legge senza dubbio fortemente voluta dal Vaticano. Il dato più importante è rappresentato dalle migliaia di coppie costrette a raggiungere paesi che hanno una differente legislazione in materia. E la cosa non fa che mettere in piena evidenza la contraddizione insita in un provvedimento che, peraltro, pur vietando la diagnosi preimpianto, consente il ricorso all’aborto. Si direbbe dunque facile rigettare in toto una legge che sembra tanto scandalosamente mettere in discussione la laicità dello Stato. Tuttavia abbiamo visto come anche il cinema possa porre le cose sotto una luce diversa. Il 12 giugno, quale che sia la scelta che faremo, sarà difficile illudersi di fare la cosa giusta. Ma dopotutto siamo esseri umani, e possiamo accontentarci di fare quella migliore.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]