Lampedusa, il riconoscimento delle vittime «Io, eritreo-catanese, a fianco dei parenti»

I 360 morti della strage di Lampedusa del 3 ottobre sono diventati numeri. Ad ognuno è associato un cimitero, un loculo. Alla questura di Agrigento il dramma continua con il pietoso rito del riconoscimento delle vittime. Su un computer le foto dei volti, straziati dal mare; su un altro, le immagini degli oggetti ripescati dall’acqua. Ad assistere i parenti sono arrivati i giovani della Comunità eritrea da tutta Europa. Un passaparola che ha portato nella città dei templi anche Alex Beraki, nato e cresciuto a Catania, italo-eritreo di seconda generazione. «La situazione era ingestibile – racconta – gli interpreti scelti dalla questura non avevano dimestichezza, né un minimo di empatia.  Una mia amica della comunità che era già lì mi ha chiesto aiuto e sono andato».

I parenti, circa 130 tra venerdì e lunedì, sono giunti in Sicilia da ogni angolo d’Europa: Svizzera, Olanda, Inghilterra, Germania e Svezia. Per mettere fine, in un modo o nell’altro, all’ansia che li accompagna da quando hanno ricevuto la telefonata che annunciava l’inizio della traversata. «Generalmente quando stanno per imbarcarsi, i migranti avvisano con una chiamata, a cui possono seguire molti giorni di silenzio», spiega Alex. Genitori, fratelli, cugini, zii sono riuniti nella sala d’attesa della questura. «A gruppetti di due o tre li abbiamo fatti avvicinare ai computer – racconta il giovane eritreo – io gestivo le foto dei corpi; Eden, un’altra volontaria della comunità, non riuscendo a guardare quelle immagini, si occupava degli oggetti. Confrontavamo le foto in possesso dei parenti con quelle della questura, ma alcuni volti erano irriconoscibili, tumefatti e gonfi, avevano perso la loro fisionomia e il riconoscimento non è stato possibile. Dopo qualche ora sono dovuto uscire per prendere aria, non potrò mai dimenticare il pianto e le urla strazianti di una donna che che ha riconosciuto il proprio figlio».

Molti tuttavia sono stati i casi in cui l’esito del confronto è stato negativo. L’ultima possibilità resta l’esame del Dna, ma serve un legame di parentela diretto – tra padre e figlio, o tra sorelle ad esempio – e dello stesso sesso. Combinazione spesso impossibile, così i numeri rimangono senza un nome. E le ansie di chi resta in vita mai del tutto sopite.

I giovani della comunità eritrea provano a sopperire alle inefficienze della macchina burocratica. «Mancano ancora troppe foto, rimaste a Lampedusa o a Malta per problemi tecnici – spiega Alex – c’è molta disorganizzazione, non ci sono interpreti preparati. Tra i parenti c’era anche un uomo tunisino che parlava francese, ma nessun mediatore in grado di comunicare con lui. Alla fine ha parlato con una ragazza eritrea che vive in Svezia, lei ha tradotto a me in inglese e io ho girato le informazioni in italiano all’ispettore di polizia. Servirebbe un albo dei mediatori culturali, pronti e preparati per questi eventi». Per chi è riuscito ad individuare un volto amato, il viaggio è proseguito verso il cimitero in cui era stato seppellito. «Un iter che mi ha fatto rabbirividire: ad ogni foto un numero, ad ogni numero un loculo. E i parenti più fortunati concludevano il giro tra questi computer con un indirizzo di qualche sperduto paese della Sicilia: Castrofilippo, Alessendria della Rocca, Sciacca, Menfi, Bivona, Cianciana, Montevago, Sambuca di Sicilia, Santo Stefano Quisquina. Li abbiamo mandati in taxi o accompagnati alla fermata degli autobus».

Il triste pellegrinaggio non è ancora finito. «Tanti corpi non hanno un nome, mentre alcuni sono tuttora dispersi in mare – conclude Alex – io non riuscirò mai a cancellare quelle immagini impresse nella mente e l’angoscia che ti rimane attaccata sulla pelle».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Alla questura di Agrigento continua il pellegrinaggio dei parenti dei 360 morti della strage del 3 ottobre. Guardano le foto dei volti, spesso gonfi e tumefatti, e quelle degli oggetti ripescati dal mare. Accanto a loro si alternano i giovani della Comunità eritrea provenienti da tutta Europa, indispensabili vista la disorganizzazione delle autorità e la scarsa empatia degli interpreti ufficiali. Tra loro c'è anche Alex Beraki, nato e cresciuto a Catania, che racconta: «Non riuscirò mai a cancellare l'angoscia che ti rimane attaccata sulla pelle»

Alla questura di Agrigento continua il pellegrinaggio dei parenti dei 360 morti della strage del 3 ottobre. Guardano le foto dei volti, spesso gonfi e tumefatti, e quelle degli oggetti ripescati dal mare. Accanto a loro si alternano i giovani della Comunità eritrea provenienti da tutta Europa, indispensabili vista la disorganizzazione delle autorità e la scarsa empatia degli interpreti ufficiali. Tra loro c'è anche Alex Beraki, nato e cresciuto a Catania, che racconta: «Non riuscirò mai a cancellare l'angoscia che ti rimane attaccata sulla pelle»

Alla questura di Agrigento continua il pellegrinaggio dei parenti dei 360 morti della strage del 3 ottobre. Guardano le foto dei volti, spesso gonfi e tumefatti, e quelle degli oggetti ripescati dal mare. Accanto a loro si alternano i giovani della Comunità eritrea provenienti da tutta Europa, indispensabili vista la disorganizzazione delle autorità e la scarsa empatia degli interpreti ufficiali. Tra loro c'è anche Alex Beraki, nato e cresciuto a Catania, che racconta: «Non riuscirò mai a cancellare l'angoscia che ti rimane attaccata sulla pelle»

Alla questura di Agrigento continua il pellegrinaggio dei parenti dei 360 morti della strage del 3 ottobre. Guardano le foto dei volti, spesso gonfi e tumefatti, e quelle degli oggetti ripescati dal mare. Accanto a loro si alternano i giovani della Comunità eritrea provenienti da tutta Europa, indispensabili vista la disorganizzazione delle autorità e la scarsa empatia degli interpreti ufficiali. Tra loro c'è anche Alex Beraki, nato e cresciuto a Catania, che racconta: «Non riuscirò mai a cancellare l'angoscia che ti rimane attaccata sulla pelle»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]