La mozione dei Ricercatori

Mozione approvata dal Consiglio di Facoltà di Lingue e Letterature straniere nel corso della seduta del  20 giugno 2005 sullo “Stato giuridico dei docenti universitari”.

Stato giuridico dei docenti universitari: sempre peggio
No allo smantellamento dell’Università pubblica

Il Consiglio della Facoltà di Lingue e Letterature straniere, riunitosi il 20 giugno 2005, presa visione del testo del Disegno di Legge Delega sullo stato giuridico e il reclutamento dei professori universitari approvato in aula alla Camera il 15 giugno, esprime lo sconcerto più totale di fronte alle scelte regressive, penalizzanti per i ricercatori e i giovani studiosi, confuse e contraddittorie, che il Governo e la sua maggioranza parlamentare hanno imposto, senza che peraltro si sia manifestata un’opposizione chiara e incisiva, in particolar modo nelle ultime fasi dibattimentali in Commissione Cultura.

Fin dall’inizio della fase propositiva del DL e poi nel corso dei sedici mesi di lavoro della VII Commissione della Camera dei deputati, il Ministro e la maggioranza hanno mostrato totale sordità rispetto alle critiche e alle proposte alternative prospettate dalla stragrande maggioranza -altro che minoranza che “dice sempre no”- del mondo accademico (ivi compresi CRUI, CUN, numerosissimi Senati Accademici e Facoltà) e delle sue rappresentanze di categoria.

Il testo che va in discussione al Senato prevede tra l’altro:
– procedure concorsuali regolamentate dai singoli Atenei (art.5, c. 1) in contrasto con quanto previsto all’art. 4, c.3 (il che equivarrebbe al venir meno d’una titolarità e d’uno statuto giuridico istituzionalmente omogenei nel sistema universitario pubblico);
– consistenti riserve di posti per i concorsi a ordinario e associato (altro che merito e spazio per i giovani!);
– la messa a esaurimento del ruolo di ricercatore che transita in una zona grigia di parcheggio aperta anche a tecnici laureati e a indeterminate figure in possesso della qualifica di “elevata professionalità”, il che equivale a una pesante penalizzazione e mortificazione per gli attuali ricercatori, vincitori di concorso, da anni figura indispensabile per lo svolgimento dell’attività didattica e scientifica, ai quali si riconoscerebbe, a inalterate condizioni retributive, il titolo, puramente formale di “professore aggregato” con obbligo di tempo pieno;

– l’estendersi delle fasce di precariato, con la trasformazione degli attuali assegni quadriennali in “contratti di ricerca e insegnamento” rinnovabili fino a sei anni senza minimi retributivi, e con la previsione di “contratti di attività didattica integrativa” anch’essi rinnovabili fino a sei anni e titolo preferenziale per i concorsi. In altri termini, un lungo, estenuante, sottopagato periodo di precariato -non meno di nove anni nella migliore delle ipotesi- che porterà le energie migliori, proprio quando massiccia è la percentuale di docenti di ruolo che andranno in pensione nei prossimi anni, a cercare altrove lavoro;
– il frammentarsi, Ateneo per Ateneo, delle condizioni del rapporto lavorativo che si instaura con i docenti;
– la sostituzione degli aumenti stipendiali per anzianità con un aumento biennale subordinato alla richiesta individuale di valutazione, caso unico nella pubblica amministrazione.
Il testo che va in discussione in Senato, altresì, non prevede alcuna risorsa finanziaria aggiuntiva per l’applicazione della nuova normativa.

Dall’insieme di queste misure il sistema universitario pubblico, già devastato da ordinamenti didattici discutibili e dalla mancanza di risorse finanziarie adeguate per ricerca, didattica e trattamenti stipendiali, sarebbe ulteriormente ridotto a pezzi e dequalificato.
Occorre chiedere con forza:
1. il ritiro immediato di questo indecente DL;
2. l’apertura d’un reale e serio confronto con le esigenze poste dal mondo universitario e dalle forze sociali;
3. il rifinanziamento della ricerca, della didattica e delle retribuzioni secondo parametri europei;
4. la trasformazione e la riqualificazione del ruolo dei ricercatori in terza fascia docente;
5. il bando di 20.000 nuovi posti di ricercatore;
6. la differenziazione tra forme di reclutamento e forme idoneative di progressione di carriera;
7. procedure concorsuali e idoneative trasparenti e pubbliche;
8. l’unicità del contratto di didattica e ricerca dopo il dottorato, di tipo subordinato e di durata non superiore a tre anni.

Il Consiglio di Facoltà aderisce alle forme di mobilitazione nazionali tramite:
– la sospensione degli esami di profitto dal 21 al 27 giugno;
– il responsabile mantenimento delle sedute di laurea previste che saranno aperte dalla lettura di un comunicato che spiegherà i motivi della mobilitazione e che si svolgeranno senza indossare le toghe per dire che non è questa l’Università che vogliamo;
– partecipazione alla riunione di Ateneo del 27 giugno;
– preparazione di nuove iniziative in vista della discussione del DL in Senato (17 luglio).


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Mozione approvata dal Consiglio di Facoltà di Lingue e Letterature straniere nel corso della seduta del  20 giugno 2005 sullo “Stato giuridico dei docenti universitari”. Stato giuridico dei docenti universitari: sempre peggioNo allo smantellamento dell’Università pubblicaIl Consiglio della Facoltà di Lingue e Letterature straniere, riunitosi il 20 giugno 2005, presa visione del testo del Disegno […]

Mozione approvata dal Consiglio di Facoltà di Lingue e Letterature straniere nel corso della seduta del  20 giugno 2005 sullo “Stato giuridico dei docenti universitari”. Stato giuridico dei docenti universitari: sempre peggioNo allo smantellamento dell’Università pubblicaIl Consiglio della Facoltà di Lingue e Letterature straniere, riunitosi il 20 giugno 2005, presa visione del testo del Disegno […]

Mozione approvata dal Consiglio di Facoltà di Lingue e Letterature straniere nel corso della seduta del  20 giugno 2005 sullo “Stato giuridico dei docenti universitari”. Stato giuridico dei docenti universitari: sempre peggioNo allo smantellamento dell’Università pubblicaIl Consiglio della Facoltà di Lingue e Letterature straniere, riunitosi il 20 giugno 2005, presa visione del testo del Disegno […]

Mozione approvata dal Consiglio di Facoltà di Lingue e Letterature straniere nel corso della seduta del  20 giugno 2005 sullo “Stato giuridico dei docenti universitari”. Stato giuridico dei docenti universitari: sempre peggioNo allo smantellamento dell’Università pubblicaIl Consiglio della Facoltà di Lingue e Letterature straniere, riunitosi il 20 giugno 2005, presa visione del testo del Disegno […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]