«La mafia tiene lontano l’Isis? Non sta in piedi» Il parere del massimo esperto di Cosa Nostra

«Dire che la Sicilia è fuori dal rischio di infiltrazioni dell’Isis perché c’è la mafia, è una cosa che non sta in piedi. L’Isis è qualcosa di molto più grande della mafia e questa non gli impedirebbe, qualora gli estremisti lo volessero, di insediarsi». Parola di Salvatore Lupo, professore di Storia contemporanea all’università di Palermo e tra i massimi esperti del fenomeno mafioso a cui ha dedicato numerose pubblicazioni. Sul rapporto tra Cosa nostra e Stato islamico due giorni fa si era espresso Claudio Fava, vicepresidente della commissione nazionale antimafia, che, a precisa domanda dei giornalisti, ha risposto: «Non mi stupisce che la Sicilia possa essere considerata fuori dal rischio di infiltrazioni dell’Isis per la presenza della mafia». Per poi abbozzare un passo indietro: «Anche se forse non è del tutto vero, perché la capacità di infiltrazione di questo terrorismo, talmente liquido, non ha alcuna possibilità di prevedibilità».

Per Lupo questa tesi rischia di essere interpretata come «una spudorata esaltazione della mafia». «Non bisogna cadere in queste banalizzazioni», aggiunge. Ma, soprattutto, lo storico sottolinea come le basi su cui poggia il ragionamento sono molto fragili. «Dire che la mafia ha un controllo assoluto del territorio, tale da respingere i tentativi di infiltrazione di movimenti terroristici rappresenta una visione romantica e pericolosa che attribuisce a Cosa nostra un’onnipotenza che non ha e che non può avere, un potere che non è mai esistito», spiega il docente. Che sottolinea come anche il confronto con il terrorismo degli anni ’70 in Italia – di cui ha parlato Fava – «non sta in piedi».

«Negli anni di piombo – spiega Lupo – la questione terrorismo era tutta interna al nostro Paese e rispondeva a dinamiche proprie della società italiana». Secondo lo storico, sarebbero quest’ultime il motivo per cui il Meridione rimase sostanzialmente immune dal fenomeno. «Non ci fu terrorismo non perché c’era la mafia, ma perché, nella dialettica regionale italiana, in alcune zone come la Sicilia mancavano le ideologie politiche diffuse e la società era molto diversa rispetto al Nord». Allargando il raggio della riflessione, lo storico aggiunge: «L’Isis è un’idea politica che usa la religione, affondando in un livello profondo delle comunità umane. Ma è anche un fenomeno nuovo per molti aspetti, mentre mi pare che si continui a usare criteri di valutazione del passato, invece siamo nel presente e anche nel futuro».

Negli ultimi tempi, infine, una teoria opposta vorrebbe la Sicilia più esposta al rischio terroristico a causa della presenza sul suo territorio di importanti installazioni militari statunitensi, come la base di Sigonellache a breve ospiterà i Global Hawk a pilotaggio remoto, e quella di Niscemi, dove ha sede il Muos. Su questo il professore Lupo si limita a guardare ai fatti registrati fino a oggi. «Non mi pare – afferma – che i terroristi dell’Isis abbiano attaccato obiettivi militari, ma piuttosto gente comune che con le armi e con l’esercito non hanno niente a che vedere». 


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]