La guerra e la paura

Si chiude in bellezza la seconda rassegna cinematografica “Fuøritema” a cura della cattedra di Filosofia politica con la proiezione, martedì scorso, del film “shock” dell’ultimo anno cinematografico: “Fahrenheit 9/11” di Michael Moore, vincitore della palma d’oro a Cannes.

A quest’ultimo appuntamento, nell’aula magna della facoltà di Scienze politiche, ha preso parte Roberto Escobar, professore ordinario di filosofia politica dell’Università di Milano nonché critico cinematografico, che ha brevemente introdotto e indicato alcune chiavi di lettura interessanti prima di dare il via alla proiezione del film.

“Il film-documentario di Moore – dice Escobar – da molti definito carente dal punto di vista cinematografico, dimostra invece scelte ben precise e ponderate, come quella di descrivere il momento dell’attacco al World Trade Center non attraverso le stesse immagini con le quali tutti i mezzi di comunicazione ci hanno bombardati per mesi, ma attraverso lo sguardo di chi, trovandosi presente di fronte a quel terrificante evento, si è trovato stupito, spaventato e incredulo o – prosegue ancora Escobar – nell’espressione non cinematografica di Bush nel momento in cui venne a sapere della tragedia. Espressione che esprime la tragica ambiguità del potere e la sua incapacità”.

 

Il punto focale del film, secondo Escobar, risiede nella chiara esposizione del clima di incertezza e paura diffuso tra i cittadini americani per coprire la connivenza delle più alte sfere del governo statunitense con i mandanti dell’attentato dell’11 settembre 2001 e facente parte di una più ampia strategia di menzogne perpetrata fin dalla prima elezione di Gorge W. Bush Jr. a Presidente degli U.S.A.

Da qui il docente di Filosofia politica ha modo, grazie anche alle domande rivoltegli in sede di dibattito dopo la proiezione del film, di approfondire le motivazioni e i metodi attraverso i quali il governo Bush è riuscito a portare avanti una campagna di disinformazione e di “costruzione della verità” propedeutica al raggiungimento dei suoi obiettivi, che Escobar riassume nella frase “Meglio non dire che mentire…”.

 

Non manca, tra i significati attribuiti al film di Moore, quello, suggerito dalla giornalista Maria Lombardo,  e confermato dallo stesso critico, di  atto d’accusa di un film-verità come questo nei confronti dei mass media, veicolo di propagazione della verità che, come dice lo stesso Escobar, i pochi pensano per i molti.

E ne è prova il fatto che nulla abbia potuto la diffusione di Fahrenheit 9/11 negli States, poco prima delle presidenziali americane, di fronte al prolungato e martellante messaggio di una delle più grandi emittenti americane, Fox News.

 

Non è stato assolutamente difficile, visionando il film, comprendere cosa Escobar volesse dire ed è stata abbastanza diffusa, tra i presenti, la sensazione di “amaro in bocca” lasciata non solo da ciò che il film abbia portato in luce durante quasi due ore di proiezione, ma anche il concetto espresso da Escobar che, rispondendo ad un ultimo quesito, riporta i termini “etica” e “politica” come profondamente inconciliabili.

 

Non ci resta che sorridere alla genialità della frase, riportata in chiusura, di Woody Allen: “Dio è  morto, Marx è morto … e anch’io oggi non mi sento molto bene!”.

 

 

Per ulteriori informazioni:

 

Recensione di Fahrenheit 9/11 di Roberto Escobar

Sito ufficiale del film

Michael Moore: il personaggio

 


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]