La Chiesa locale contro la discarica di Lentini Dopo i parroci, lettera di scout e associazioni

Anche scout, Azione Cattolica e e altre associazioni contro la discarica Armicci di Lentini. Dopo la sollevazione dei parroci del territorio, che hanno letto domenica scorsa una lettera per denunciare il rischio inquinamento, anche il mondo dell’associazionismo e del volontariato si muove. 

«Per il nostro territorio – scrivono in una nota i gruppi Agesci Carlentini 1 e Francofonte 1, l’Avis Carlentini, l’Azione Cattolica di Carlentini e Francofonte, l’associazione culturale Quota 190 sono settimane di grande preoccupazione dopo che la Regione Sicilia ha dato il via libera alla realizzazione di una nuova discarica, la società che ha beneficiato del benestare regionale ha iniziato le attività di rilevazione propedeutiche alla nascita del sito. Non la prima discarica, ma la seconda nel raggio di dieci chilometri dai centri abitati di Carlentini e Lentini con annesso il suo ospedale e a circa 15 chilometri dal centro abitato di Francofonte, nonché a pochi chilometri di distanza dal lago di Lentini e dalle spiagge che circondano il nostro bellissimo territorio».

I lavori per la discarica di rifiuti speciali non pericolosi – che sarà gestita dalla ditta Pastorino e sorgerà a 700 metri dal lago Biviere – sono iniziati il 30 marzo. «Questa nuova possibile discarica – continua la nota – è una minaccia tangibile per la salute di tutti noi cittadini e non farebbe altro che aggravare la già drammatica situazione ambientale in cui versa il nostro territorio incastrato tra il polo petrolchimico industriale di Melilli-Augusta, la discarica di Grotte San Giorgio, una delle più grande della Sicilia, e il probabile inceneritore di Motta S. Anastasia». 

Quindi le associazioni ricordano come le autorizzazioni all’impianto portino la firma di Gianfranco Cannova e Mauro Verace, due funzionari della Regione finiti in manette nella recente operazione Piramidi, che ha fatto luce sulle irregolarità della discarica Cisma di Melilli. «Queste scandalose autorizzazioni già peraltro rilasciate da funzionari arrestati e sotto indagini – attaccano nella nota – potrebbero produrre danno ambientale, rischi per la salute e devastazione di un territorio già martoriato e che vanta il triste primato nazionale di un malato di tumore ogni 37 abitanti (dato allarmante emerso da una prima indagine effettuata dall’Osservatorio permanente sulla tutela della salute e del territorio). Questo dato è tragicamente visibile in tantissime delle famiglie che vivono in questa zona». Il Comune di Lentini ha presentato un esposto per chiarire la legittimità dell’iter autorizzativo e la Procura di Siracusa ha aperto un’indagine. 

Fatto salvo l’impegno sul territorio, l’esortazione è quindi rivolta alla politica. «Chiediamo a gran voce la revoca di queste autorizzazioni – dicono -. È imbarazzante il silenzio che in questi ultimi mesi sta caratterizzando la Regione. Chiediamo ai rappresentanti del Parlamento regionale e del Parlamento nazionale eletti nel nostro territorio di essere in prima linea insieme alle nostre amministrazioni comunali, per difendere gli interessi di noi cittadini in quella che non è una lotta di colore partitico e nemmeno una lotta gli uni contro gli altri, ma una dimostrazione di maturità politica che chi ci rappresenta nelle istituzioni deve dimostrare, richiamando i valori della lealtà, dell’impegno per la propria comunità, il mettersi al «servizio» cioè essere un solido mattone nella costruzione del bene comune. È il momento di metterci la faccia senza se e senza ma. Se in passato non si è riusciti ad evitare di costruirne e riempire i nostri territori di spazzatura, oggi – concludono – abbiamo ancora l’opportunità di credere che un futuro migliore possa esistere».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]