In Spagna i Re Magi dispensano doni e regalano carbone

In Spagna la tradizione dello scambio dei regali di Natale non è uguale come da noi in Italia. Se nella nostra nazione i regali si mettono sotto l’albero di Natale e si aprono intorno a mezzanotte, o nella mattina del 25 dicembre, le cose vanno diversamente nella penisola iberica. Per gli spagnoli, il Natale è una festa molto sentita, ma la frenesia che c’è qui in Italia per fare i regali nel giorno della nascita di Gesù Bambino, da loro assume tinte minori. A mezzanotte vanno in chiesa per la messa della vigilia, che chiamano “misa del gallo” e si fa un piccolo scambio di doni, che vengono messi sotto l’albero di Natale. Ma la maggior parte dei regali viene fatta alcuni giorni dopo.

 

Babbo Natale è conosciuto dagli spagnoli, ma non viene considerato come il personaggio che porta i regali. A “portarli” sono i Re Magi, che hanno una valenza maggiore rispetto all’uomo dalla barba e dai capelli bianchi. Così l’attesa per la grande apertura dei regali si trasla tra il 5 e il 6 gennaio. Ma andiamo per ordine. Il 5 di gennaio l’attesa è grande per quella che si chiama “Cabalgada de los Reyes Magos”, cioè la Cavalcata dei Re Magi. “Questa parata si celebra in tutto il territorio spagnolo – spiega Asuncion Gutierrez Lopez, sivigliana doc – non solo si fa nelle città grandi, ma anche in quelle piccole e nei paesi. Diversi carri allegorici, per capirci, simili a quelli che si fanno a Carnevale, sfilano per le strade principali. Il tema  – continua Asuncion – è chiaramente ispirato al Natale per la maggior parte dei carri, ma non mancano carri in cui ci sono personaggi della fantasia, dei cartoni animati e delle favole”.

 

Nel pomeriggio la gente si riversa nelle strade nelle quali la parata dei Re Magi deve passare e aspetta “armata”  di buste, ombrelli – per usarli come contenitore – e per chi sta al primo piano, anche di lenzuola. Sopra i carri, che possono esser anche in numero di dieci, oltre ai personaggi ai quali sono ispirati, ci sono anche delle persone.

Le più importanti sono tre, scelte di anno in anno, per ricoprire l’importante ruolo dei  Re Magi. “A Siviglia  – spiega Asuncion – la Cavalcata si fa dal 1918 e puoi immaginare quanti siano stati i personaggi del mondo del calcio, delle corride, della televisione e dello spettacolo, scelti per fare Melchiorre, Gaspare e Baldassarre. Oltre a vestirsi con gli abiti tradizionali, loro devono incessantemente buttare tantissime caramelle alle persone che stanno per strada, aiutati dai paggetti e dalle dame. Non devono fermarsi mai. Pensa che accanto ai loro troni – conclude Asuncion – hanno dei bidoni pieni zeppi di caramelle che devono buttare a chi li ha aspettati per ore nelle strade”. Poi, la gente torna a casa con le buste piene di caramelle e vede quante ne ha raccolto.

 

Durante la notte, i Re Magi “ entrano” in casa e portano i regali a grandi e piccini. L’indomani, il 6 di gennaio, il fulcro del focolare domestico è il presepe, perché i regali vengono messi e aperti lì vicino. Quello che da noi succede la notte tra il 24 e il 25, cioè l’apertura dei regali, in Spagna si fa il 6 di gennaio. Il dolce tipico che gli spagnoli mangiano il 5 e il 6 gennaio è il “roscone dei Re Magi”. E la cara e vecchia Befana, alla quale i bambini italiani sono tanto affezionati? Gli spagnoli non tanto la conoscono. A portare il carbone dolce ai grandi e ai bambini che si sono comportati male durante l’anno, nelle calze grandi di iuta o di canapa, che sono come quelle che noi regaliamo, sono sempre i tre personaggi venuti con i cammelli.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]