Il Palermo di Mutti cade anche a Verona

La 18esima giornata di Serie A vede in campo il Chievo di Mimmo Di Carlo ed il Palermo di Bortolo Mutti. Entrambe le squadre hanno più d’un motivo per vincere: i primi vogliono far bella figura dinnanzi al loro pubblico e ritornare alla vittoria, che manca in campionato da 3 giornate; i rosanero invece hanno voglia di riscattarsi dopo le ultime pessime prestazioni dell’ultimo mese.

I veronesi vengono schierati con un 4-3-1-2, con in porta Sorrentino, in difesa Sardo, Andreolli, Cesar e Jokic; in mediana ci sono Luciano, Bradley e Sammarco, quindi Thereau, Pellisier e Paloschi. La formazione siciliana gioca invece con un insolito albero di natale con Benussi tra i pali alla sua probabile ultima partita da titolare, quindi Munoz, Silvestre, Mantovani e Balzaretti. Centrocampo a 3 con Migliaccio, Bacinovic e Barreto, infine Ilicic e Vazquez a sostegno dell’unica punta Pinilla.

La partita inizia con ritmi piuttosto elevati; il Chievo pressa i giocatori ospiti fin dall’area di rigore, mettendo in serie difficoltà centrocampo e difesa avversaria. Luciano, Thereau e Paloschi sono i migliori della squadra di Di Carlo, che con la propria velocità sfilano alle spalle dei palermitani, sempre più in difficoltà. Nei primi 10’ infatti i padroni di casa creano almeno quattro buone occasioni da gol, salvate da un buonissimo Benussi. La squadra di Mutti non riesce ad uscire, il centrocampo è completamente privo di idee, mettendo in risalto la totale mancanza di un regista; Bacinovic e Barreto non riescono assolutamente a gestire i palloni che arrivano e questo provoca la totale mancanza di gioco.

Passano i minuti ed il Chievo finalmente si stanca, permettendo così al Palermo di impossessarsi del pallone e farlo suo per un buon numero di minuti. Intorno al 30’ i siciliani riescono a concludere in porta per due volte, senza tuttavia creare grandi pericoli a Sorrentino. Da lì al 45’ davvero poca roba, sia da una parte sia dall’altra. L’unica azione da segnalare, un buon tiro di Bradley attorno al 40’. Finisce quindi la prima frazione, poche le “vere” emozioni di un primo tempo nel quale il vero protagonista è il pessimo terreno del Bentegodi.

I secondi 45’ iniziano con gli stessi effettivi undici ed anche con lo stesso ritmo: a soli 5’ dal fischio arbitrale, infatti, Luciano approfitta di un clamoroso abbaglio di Balzaretti, facendo così ripartire la propria squadra. Termina la giocata con un buonissimo passaggio per Sammarco, tutto solo sulla sinistra, che controlla e mette alle spalle dell’incolpevole Benussi. 1-0 Chievo, con Mutti che per la seconda volta in tre partite è costretto a recuperare il risultato. Anche in questo caso la partita si addormenta, nonostante il Palermo tenti in tutti i modi di colpire Sorrentino, soprattutto sulla fascia sinistra dove Balzaretti corre tantissimo. Le punte e i rifinitori rosanero non riescono a compiere più di 2-3 passaggi di fila e soprattutto di qualità, che facilmente vengono neutralizzati dai centrali clivensi. Soltanto nei minuti finali la squadra ospite va vicina al gol, spingendo con praticamente tutti i propri uomini rischiando anche di subire il raddoppio.

Al triplice fischio il risultato è dunque di 1-0 per il Chievo Verona che si porta così a 23 punti, scavalcando proprio il Palermo e conquistando punti fondamentali per la salvezza, unico vero obbiettivo della squadra di Di Carlo; i siciliani invece perdono la loro seconda sfida di fila, facendo si che la vittoria in campionato manchi dall’ultima partita di Novembre, contro la Fiorentina.

CHIEVO-PALERMO 1-0

MARCATORE: Sammarco(C) 5’s.t

CHIEVO(4-3-1-2): Sorrentino, Sardo, Andreolli, Cesar, Jokic, Luciano, Bradley, Sammarco (Hetemaj 68’), Thereau, Pellissier (Moscardelli 84′), Paloschi (Acerbi 88’). A disp.: Puggioni, Frey, Vacek, Cruzado. All. Di Carlo.

PALERMO(4-3-2-1): Benussi, Munoz, Silvestre, Mantovani, Balzaretti, Migliaccio, Bacinovic (Bertolo 77’), Barreto, Vazquez (Miccoli 66’), Ilicic, Pinilla (Budan 67’). A disp.: Tzorvas, Cetto, Aguirregaray, Della Rocca. All. Mutti.

ARBITRO: Rocchi.

AMMONITI: Bacinovic(P), Sammarco(C), Cesar(C), Balzaretti(P).


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

La 18esima giornata di serie a vede in campo il chievo di mimmo di carlo ed il palermo di bortolo mutti. Entrambe le squadre hanno più d’un motivo per vincere: i primi vogliono far bella figura dinnanzi al loro pubblico e ritornare alla vittoria, che manca in campionato da 3 giornate; i rosanero invece hanno voglia di riscattarsi dopo le ultime pessime prestazioni dell’ultimo mese.

La 18esima giornata di serie a vede in campo il chievo di mimmo di carlo ed il palermo di bortolo mutti. Entrambe le squadre hanno più d’un motivo per vincere: i primi vogliono far bella figura dinnanzi al loro pubblico e ritornare alla vittoria, che manca in campionato da 3 giornate; i rosanero invece hanno voglia di riscattarsi dopo le ultime pessime prestazioni dell’ultimo mese.

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]