Il Consiglio comunale ha dichiarato il dissesto Su 29 presenti, 27 voti favorevoli e 2 astenuti

«I numeri sono esatti quando c’è la sottrazione e la moltiplicazione: due più due fa quattro». In Consiglio comunale sguardi già disattenti si perdono definitivamente di fronte a questa affermazione al microfono. Il senso, si intuiva, è che le cifre parlano da sole, non hanno bisogno di interpretazioni, e se il dissesto si deve dichiarare si dichiara. Del resto, lo ha detto il sindaco Salvo Pogliese, i catanesi possono sperare nello spirito di Francesco Lodi: dopo una brutta partita allo stadio Angelo Massimino, alla fine dal campo si esce vincitori con un rigore al 92esimo. E poco importa se allo stadio i giocatori sono stati ricoperti di fischi. Alle 23.32, con 29 consiglieri presenti, dei quali 27 favorevoli, è stata deliberata la dichiarazione di dissesto del Comune di Catania. Astenuti solo Daniele Bottino e Lanfranco Zappalà, orfani di Enzo Bianco, assente ingiustificato anche in una serata come quella di ieri.

Una cifra dopo l’altra, alla fine quella unanimemente definita come «l’ora più triste» per Catania è arrivata: il default è stato dichiarato e non passerà molto tempo prima che arrivi il triumvirato dell’organismo straordinario di liquidazione a dare una mano all’amministrazione per capire come uscire da un baratro quantificato in un miliardo e mezzo di euro di debiti. I dipendenti comunali, nel frattempo, hanno tirato un sospiro di sollievo: ieri sono arrivate le buste paga, oggi dovrebbero arrivare gli accrediti. Tutto grazie ai 31 milioni e oltre 600mila euro arrivati direttamente dallo Stato dopo l’approvazione del consuntivo 2017. «Sono volati 31 milioni in tre ore», si sentiva dire nei corridoi del municipio. Sempre ieri, intanto, l’Assemblea regionale siciliana ha votato la norma che prevede otto milioni per il Comune di Catania direttamente da Palermo: 32 deputati regionali hanno detto , altri 31 – invece – avrebbero tolto a Palazzo degli elefanti un’altra di quelle molliche di pane da mettere da parte per evitare la crisi occupazionale.

«La crisi di liquidità non è legata al dissesto», ci tiene a precisare il primo cittadino, ma l’argomento in realtà in aula non viene toccato. «Potevamo scegliere un’altra strada, non dovevamo dichiarare il dissesto», è il mantra dell’opposizione di centrosinistra. Mentre il Movimento 5 stelle ci tiene a marcare la distanza rispetto a quanto avvenuto nel lontano e più recente passato. Nel ping pong di risposte e contrattacchi, nel merito della delibera poi votata – che prevede anche la revoca del bilancio 2018-2020, almeno per quanto riguarda i prossimi due anni – non entra quasi nessuno (con la sola eccezione di Daniele Bottino). In quelle pagine, oltre che ampie citazioni dei pronunciamenti della Corte dei conti, c’è anche l’ideale risposta alle accuse formulate dalla procura contabile e, plausibilmente, sposate dai giudici delle Sezioni riunite di Roma. 

Il primo sassolino tirato fuori dalla scarpa riguarda il valore dei contenziosi stimati dai magistrati. Non 712 milioni di euro, come sostenuto, ma 163: perché, nel frattempo, due grosse cause – una da quasi 390 milioni e una da 51 milioni di euro – si sono risolte, anche se non in via definitiva, a favore del Comune di Catania. Che quindi quei soldi, almeno per il momento, non dovrebbe versarli. Da questo punto, deriva poi la seconda precisazione: la controversia che sfiora i 390 milioni di euro – messa in piedi dalla società Sie (Servizi idrici etnei) –  prende il via con la notifica dell’atto di citazione: «In data 27 febbraio 2014, a distanza di oltre un anno dall’approvazione del piano di riequilibrio, e pertanto non poteva essere inserito né previsto quale rischio di soccombenza nelle passività potenziali». Puntini sulle i, che però adesso servono a poco. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]