I nuovi eroi di SmackDown: l’Uomo Tigre rimpiazzato da John Cena

Il ‘fenomeno wrestling’ sembra essere tornato sulla cresta dell’onda, grazie al nuovo programma importatoci dall’America, SmackDown, che vede muscolosissimi ed agguerriti lottatori combattere per difendere il loro onore di campioni e di sportivi. Almeno questo è quello che vogliono farci credere.

Gli incontri di wrestling infatti cominciano ad essere più coreografati dei balletti. Per tutto il match, i due sfidanti non fanno altro che correre e saltare sul ring, insultandosi, sfottendosi, facendo spudoratamente finta di colpirsi e recitando un copione appositamente scritto dagli autori della trasmissione. A rendere ancora più palpitante ed avvincente ogni incontro ci pensano i due chiassosi cronisti che, recitando un copione anche loro, commentano ogni pugno ed ogni finta mossa letale, facendo notare al pubblico con urla di ammirazione, stupore ed incitamento, il dolore fisico e la poderosa violenza distruttrice che i due lottatori possiedono.

Ma il wrestling, nonostante si tratti di pura e semplice finzione, è da considerarsi uno “sport” pericoloso? Secondo molti si. Infatti, oltre al Codacons ed all’Osservatorio sui diritti dei minori – che hanno lanciato un  appello per vietare ai minori di 14 anni le kermesse di wrestling – a dichiarare apertamente guerra sono anche i pediatri: sembra che, da quando questa disciplina ha preso piede nei mass media, spopolando soprattutto nella platea dei più piccoli, tra i bambini sia aumentato il numero degli incidenti legati, proprio, all’imitazione delle violente mosse dei lottatori dai pesi massimi.

In effetti non è difficile crederlo. Basta fermarsi ad osservare dei bambini che giocano per rendersi conto di quanto possa essere divertente, per loro, emulare i loro eroi lottatori; vanno a ruba le magliette di John Cena, Eddie Guerriero e Ray Mysterio, oltre alle classiche figurine per l’album, ed addirittura le carte da gioco in stile Pokemon.

Mi è bastato chiedere ad alcuni bambini se seguissero o meno il wrestling per ottenere una dimostrazione reale della “You can’t see me”, la mossa segreta di John Cena: si afferra l’avversario, lo si solleva issandolo sopra la propria testa e lo si scaraventa per terra. Poi ci si prende gioco di lui pronunciano da formula di rito: “You can’t see me” accompagnata dal caratteristico movimento della mano con dito anulare abbassato.

Capisco perfettamente come possa essere facile, per dei bambini, farsi male giocando così. Oltre che indurre a ritenere che la forza fisica e la violenza siano elementi prevalenti, a cui ambire nel percorso di crescita, il wrestling non fornisce certo esempi di lealtà o sportività, dato che spesso i lottatori utilizzano, per colpirsi, le sedie pieghevoli o la stessa campanella del ring. Ed anche l’arbitro, quando interviene per interrompere qualche azione violenta, viene picchiato e scaraventato fuori dal ring. SmackDown, seppure finto e pre-organizzato, non è certo da considerarsi tra i programmi più educativi da proporre a bambini e ragazzi.

Dove sono finiti i vecchi eroi dei cartoni animati come “L’uomo Tigre”, lottatore  generoso e stimato da tutti che combatteva lealmente per difendere i più deboli? Una volta la distinzione tra bene e male era netta ed evidente, ed altrettanto evidenti erano, per i bambini, gli esempi positivi da emulare e quelli negativi da condannare.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]