I disabili siciliani portano a Roma le loro richieste «Insoddisfatti, difficile trovino risorse in più per 2019»

Se sul fronte regionale i margini d’intervento sembrano ormai limitatissimi, i comitati sorti in questi anni in difesa dei diritti delle persone con disabilità spostano a Roma la loro battaglia. «Il tema – dice Vincenzo Muratore, del comitato Siamo Handicappati No Cretini – è molto ampio e riguarda la necessità di uniformare i servizi a livello nazionale, perché al momento il gap tra Nord e Sud è enorme». E se la Regione non può investire più risorse per i disabili, l’unica alternativa rimane appellarsi a un aumento delle somme destinate a livello nazionale.

Numeri alla mano, ad assorbire il maggior numero di risorse, come più volte ammesso anche dal governo regionale, è l’assegno di cura da 1.500 euro destinato ai disabili gravissimi siciliani. Motivo per cui per far fronte alle disabilità gravi ma non gravissime restano poco più di venti milioni di euro l’anno, sui circa 266 milioni stanziati per la Sicilia, tra fondi nazionali, regionali e comunitari. «Troppo poco – aggiungono ancora dal comitato – per far fronte a una programmazione reale e a interventi seri per il miglioramento della qualità della vita». È così che i referenti delle associazioni sono volati direttamente a Roma per incontrare il sottosegretario al ministero della disabilità, Vincenzo Zoccano, ed esporgli le proposte di miglioramento dell’intero settore, a partire dai fondi, ma non limitandosi soltanto a quelli.

Ad essere assenti dal sistema di valutazione delle esigenze del disabile siciliano, sono ancora una volta le Unità di Valutazione Multidimensionali, in assenza delle quali si naviga a vista. «Gli unici dati su cui ci si basa al momento – ammette ancora Muratore – sono quelli forniti dall’Inps, che non possono essere indicativi per portare avanti uno studio approfondito della situazione reale». Nessuna promessa, al momento, da Zoccano, che ha però assicurato attenzione al documento, definito «molto tecnico, a differenza dei vari documenti arrivati a questo tavolo anche da parte di associazioni che si ergono a grandi conoscitori del mondo della disabilità».

Insomma, appare improbabile che la manovra fiscale per il 2019 a livello nazionale possa introdurre novità determinanti sul fronte delle risorse destinate alla disabilità. «Siamo soddisfatti dall’esito di questi incontri? Ovviamente no – dicono infine dal Comitato -, o meglio non del tutto. Perché dobbiamo constatare che mancano risposte concrete nel breve periodo e che sono state espresse difficoltà per rivedere al rialzo, almeno per il momento, le previsioni di legge finanziaria e di bilancio 2019. In realtà, a nostro parere, sono ancora in tempo per farlo. Lavoreremo con le associazioni nazionali che sono al nostro fianco per decidere in che maniera proseguire questo dialogo ed interlocuzione di rilievo con gli organi di governo senza escludere che, laddove entro 30 giorni dall’incontro non vedremo battere alcun colpo concreto sulla nostra richiesta di implementazione del Fondo Nazionale per le non Autosufficienze, valuteremo insieme a queste e ad altre associazioni nazionali di famiglie l’ipotesi, i termini e le modalità di una manifestazione nazionale davanti ai palazzi del potere romani».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]