Frances Lansing 1989/2005

Frances Lansing, artista di origine americana ma italiana d’adozione, nasce a Manhattan nel 1945. Il suo è un percorso artistico che spazia dalla fotografia all’incisione, dalla pittura all’encausto, fino alla scultura.

Gli anni in cui l’artista cresce e si sviluppa sono anni di grandi contestazioni sociali, di crisi dei valori, di guerre come quella del Vietnam. Anni che la segnano profondamente, e che sono alla base della crisi esistenziale che agli inizi degli anni ottanta la porterà ad abbandonare la sua New York, città che dal secondo dopoguerra era diventata la nuova capitale dell’arte mondiale, per andare controcorrente trasferendosi in Toscana. Qui la tradizione pittorica italiana e la bellezza del paesaggio che la circonda lasceranno il segno nella sua opera. La Lansing, allora, si fa interprete del dibattito artistico tra America ed Europa, facendo confluire nel suo lavoro i due “mood” tipici di entrambi gli orientamenti. Infatti, se da un lato l’arte postcontemporanea, soprattutto in America, è tesa verso la ricerca e l’innovazione, l’azione e la spasmodica “creazione del nuovo” , dall’altro l’Europa si fa forte della propria grande tradizione artistica e soprattutto pittorica.

Quello della Lansing è un percorso teso verso la ricerca e la sperimentazione di nuove tecniche, ma anche pervaso dalla voglia di rappresentare l’umano, il naturale, la vita di ogni giorno, utilizzando comunque tecniche che siano lontane dall’immediata riproducibilità dell’immagine. Ecco che allora, supportata dall’ausilio dell’encausto (tecnica pittorica derivante dalla mescolanza di cera a caldo con solventi e colori), Frances Lansing si trasforma in alchimista, un’alchimista che non si ferma solo alla “matericità” della tela come campo d’azione, bensì si serve di questa per rappresentare “un mondo”, diverso da quello vero. Un mondo in cui un paesaggio lagunare o agreste non siano necessariamente mera rappresentazione di un paesaggio reale, ma piuttosto “mentale”, che fa parte di un tempo plasmabile, “liquido”. Lei stessa afferma che il suo intento è “tracciare una nuova mappa verso la confluenza di due fiumi: l’Arno e l’Hudson”.

Guardando queste tele da vicino non si riesce a scorgere alcun tipo di soggetto, ma si entra in contatto con la materia. Allontanandosi, invece, la materia lascia il posto al definirsi di territori e spazi. È come se l’artista non volesse che la propria interiorità fosse invasa dagli sguardi degli spettatori, e per preservare la propria intimità rende la visione percepibile solo a distanza. Per quanto riguarda le sculture, esse sono pensate per essere toccate, usate, prese in mano. Lo si può evincere dalla serie di piccoli animaletti in bronzo (papere, cani, ecc.) che sono creati anche per essere utilizzati come maniglie. Tuttavia anche dalla scultura emerge la matericità , l’attenzione che l’artista rivolge alla lavorazione dell’elemento, che sia bronzo o terracotta.

Osservando le sue sculture si ha la sensazione che la natura partorisca l’uomo, un uomo semplice, un contadino. Emblema di questo atteggiamento artistico è l’opera “UOMO VERDE” in terracotta, che rappresenta appunto un uomo/albero, o l’opera “IL BOSCAIOLO” che raffigura un tagliaboschi di fronte ad un albero, ma l’albero è più piccolo dell’uomo, quasi a significare che la natura sia impotente rispetto all’uomo, figlio di una madre che non rispetta, di cui si serve, e che invece questa artista vuole preservare rinchiudendola nelle sue tele.


“Paesaggi alchemici e materia vivente”
Acireale – Galleria Credito Valtellinese
P.zza Duomo, 12
dal 25 marzo al 27 maggio 2006
mart: 17-21 ; da merc a dom 10-13 / 17-21 – chiuso: lun e mart mattina
(+39 095.600208
@ galleria_acireale@hotmail.com
€ ingresso libero


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]