Flazio.com è l’azienda Leader della Crescita 2023 per Il Sole 24 Ore

Flazio.com ha ottenuto il riconoscimento di Leader della Crescita 2023, premio che ogni anno vede competere le migliori PMI italiane, certificandosi come l’azienda italiana che ha avuto la crescita di fatturato più alta nell’ultimo triennio.

A certificare il risultato raggiunto dalla prima piattaforma no-code che permette di creare siti web e siti e-commerce anche a chi non ha competenze informatiche, sono stati il Sole 24 Ore e Statista, le due realtà che ogni anno monitorano la crescita di tutte le imprese italiane in maggiore espansione economica.

Nata come start-up nel 2011 alle pendici dell’Etna con la triplice missione di combattere l’analfabetismo digitale, democratizzare il web e decentralizzare il mondo digitale, Flazio.com può contare su un fatturato che supera oggi i 2 milioni di euro e una forte espansione sui mercati  internazionali. Dati che hanno permesso di soddisfare, con ampi margini, i rigorosi criteri di selezione per l’accesso all’elenco delle imprese Leader della Crescita 2023. 

Flazio.com fa da capofila nel processo di digitalizzazione delle attività imprenditoriali – commenta il CMO di Flazio.com Calogero Milazzo oggi Flazio è infatti la piattaforma più utilizzata dalle imprese per realizzare il proprio sito web e gestire la propria presenza online tanto da contare oltre il milione di clienti sia italiani che stranieri”.

Dietro il progetto di Flazio.com c’è un team diversificato e internazionale in continua crescita, formato da più di trenta persone tra ingegneri informatici, programmatori, designer, copywriter e creativi. Una squadra in grado di accompagnare tutti gli utenti – anche quelli non proprio nativi digitali – in ogni fase. Non solo la creazione del sito, ma anche le necessità che vengono dopo, con strumenti per gestire e ottimizzare la propria presenza onlineDa piccola dimensione allo status di impresa di successo, che punta a diventare leader del proprio mercato, è il percorso di Flazio.com,  a dimostrazione del fatto che esiste un’Italia creativa e dinamica che attraverso innovazioni, nuovi prodotti e nuovi servizi, crea posti di lavoro e distribuisce ricchezza in tutto il territorio.


Dalla stessa categoria

I più letti

Flazio.com ha ottenuto il riconoscimento di Leader della Crescita 2023, premio che ogni anno vede competere le migliori PMI italiane, certificandosi come l’azienda italiana che ha avuto la crescita di fatturato più alta nell’ultimo triennio. A certificare il risultato raggiunto dalla prima piattaforma no-code che permette di creare siti web e siti e-commerce anche a […]

Flazio.com ha ottenuto il riconoscimento di Leader della Crescita 2023, premio che ogni anno vede competere le migliori PMI italiane, certificandosi come l’azienda italiana che ha avuto la crescita di fatturato più alta nell’ultimo triennio. A certificare il risultato raggiunto dalla prima piattaforma no-code che permette di creare siti web e siti e-commerce anche a […]

Flazio.com ha ottenuto il riconoscimento di Leader della Crescita 2023, premio che ogni anno vede competere le migliori PMI italiane, certificandosi come l’azienda italiana che ha avuto la crescita di fatturato più alta nell’ultimo triennio. A certificare il risultato raggiunto dalla prima piattaforma no-code che permette di creare siti web e siti e-commerce anche a […]

Giustizia per Emanuele Scieri

Sono stati condannati i due ex caporali Alessandro Panella e Luigi Zabara. Finisce così il processo di primo grado con rito ordinario per l’omicidio volontario aggravato del parà siracusano Emanuele Scieri, avvenuto all’interno della caserma Gamerra di Pisa nell’agosto del 1999. Per loro il procuratore Alessandro Crini aveva chiesto rispettivamente una condanna a 24 anni e 21 anni, […]

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo