In carcere in Romania «in condizioni disumane» a causa di un pacco: la storia del 29enne siciliano Filippo Mosca

«Quelle in cui Filippo vive da nove mesi sono condizioni disumane». Non riesce a trovare un aggettivo diverso Claudia Crimi per descrivere le condizioni in cui è costretto il suo fidanzato Filippo Mosca. Il 29enne di Caltanissetta che da nove mesi è detenuto in un carcere in Romania, nella città di Poarta Albă, nel distretto di Costanza. C’è anche questa – oltre a quella in cui è rinchiusa Ilaria Salis in Ungheria – tra le strutture finite sotto la lente del Consiglio d’Europa per sovraffollamento, scarsa assistenza sanitaria (che si annulla per le patologie psichiatriche) e ambienti fatiscenti e gelidi. «Celle da trenta metri quadrati dove vivono più di venti persone con un solo bagno». Che a chiamarlo così si fa fatica, visto che si tratta di un buco nel pavimento, spesso intasato. «E poi topi, cimici e pulci anche tra il cibo e sui materassi sporchi», aggiunge la ragazza che proprio oggi è andata a trovare Filippo Mosca in carcere.

«Io e i suoi familiari siamo molto preoccupati per la sua salute», dice la giovane a MeridioNews. Non solo perché Filippo Mosca avrebbe bisogno di farmaci che l’amministrazione penitenziaria non gli fornisce, «ma soprattutto per le sue condizioni mentali: ci appare sempre più rassegnato e assente». Del resto, fino a qualche giorno fa nel suo stesso carcere una ragazza si è tolta la vita. Eppure, adesso, Filippo Mosca è al corrente del fatto che, da qualche giorno, della sua storia si sta parlando come mai successo finora. Ed è per la similitudine con quella della 39enne insegnante di scuola elementare a Monza che da un anno è rinchiusa nel carcere di massima sicurezza di Budapest. «La sua più grande paura – confida la ragazza – è che il tema resti soltanto appoggiato sui tavoli istituzioni e che, una volta spenti i riflettori, nulla cambi in concreto. Ma noi – sottolinea – non ci arrenderemo e continueremo a chiedere giustizia. Perché quello che è successo a Filippo è davvero assurdo e le condizioni in cui è costretto a vivere sono inaccettabili».

È maggio dell’anno scorso quando i due, insieme a una coppia di amici, vanno in vacanza in Romania per il Sunwaves Festival, un evento di musica elettronica che attira giovani da tutta Europa. A cambiare la vita del ragazzo nisseno che, fino a quel momento, era titolare di un ristorante a Ibiza (isola delle Baleari) è un pacco che una conoscente si fa consegnare nell’hotel dove alloggiano. Scopriranno solo durante il blitz della polizia che quel pacchetto contiene ketamina, hashish e mdma. Sostanze stupefacenti di cui l’effettiva destinataria si assume subito ogni responsabilità della consegna. Ma a finire in carcere è, comunque, Filippo Mosca che aveva materialmente preso il pacchetto per fare un favore all’amica. Condannato in primo grado a otto anni di reclusione, ad aprile inizierà per lui il processo d’Appello. I familiari, intanto, hanno chiesto, senza ottenerla, la misura dei domiciliari in Italia. «Un altro aspetto aberrante – aggiunge la fidanzata del giovane nisseno – è quello linguistico: in carcere, Filippo se la cava con quel poco di inglese che conosce ma tutti i documenti che lo riguardano gli vengono recapitati solo in rumeno».

Scagionato dalla conoscente a cui voleva fare una cortesia, anche le perquisizioni e le analisi dei dati del cellulare del 29enne non portano a nessuna prova contro di lui. Ciò che gli inquirenti gli contestano sarebbero delle conversazioni dai toni accesi, registrate dalla polizia nelle 24 ore di fermo di tutti e quattro i ragazzi. Rilasciati gli altri tre la mattina dopo, solo Filippo Mosca viene portato in carcere. Sulla base di quei dialoghi che, per i familiari, sarebbero stati riportati e tradotti in modo del tutto fantasioso e non corrispondente al vero. «Dalla Farnesina e dall’ambasciata hanno riconosciuto che ci sono varie incongruenze ma, finora, comunque nulla si è mosso», dice la fidanzata che resta in Romania, al momento, fiduciosa che adesso qualcosa possa cambiare.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]