Fiera di Sant’Agata, gli ambulanti la boicottano Evento saltato. Coldiretti: «Siamo rimasti soli»

Una scommessa innovativa che si è trasformata in un flop tremendo tra boicottaggi e stand smontati in poche ore. Il tradizionale appuntamento della fiera di Sant’Agata è ufficialmente saltato. Una vicenda che coinvolge ambulanti ma anche diverse realtà del settore enogastronomico come Confederazione italiana agricoltori, Confagricoltura e Coldiretti, che erano stati invitati dal Comune di Catania a esporre i prodotti della tradizione gastronomica siciliana all’interno del rinnovato padiglione dell’ex mercato ortofrutticolo di San Giuseppe La Rena. «Abbiamo aderito a questa iniziativa perché ci avevano spiegato che volevano dare un tocco diverso all’evento». Parole tra il dispiaciuto e l’amareggiato che pronuncia il presidente di Coldiretti Giovanni Pappalardo.

Uno spazio di mille metri quadrati dove utenti e turisti avrebbero potuto gustare alcune tra le eccellenze della Sicilia. Miele di Zafferana Etnea, pistacchio di Bronte, salumi prodotti con il suino nero dei Nebrodi ma anche diversi vini dell’area pedemontana dell’Etna. «Dopo aver allestito gli spazi espositivi l’appuntamento si è concluso con un nulla di fatto», prosegue Pappalardo, che non riesce a individuare una motivazione precisa: «Fatta l’inaugurazione ci siamo ritrovati da soli». A mancare sono stati i protagonisti della parte tradizionale dell’appuntamento. Ovvero i circa cento operatori ai quali era stata destinata l’area esterna al padiglione del gusto. «Preso atto della situazione ho invitato i miei associati a smontare tutto. Eravamo dentro a una sorta di cattedrale nel deserto», conclude Pappalardo. La fiera inaugurata lo scorso 2 febbraio sarebbe dovuta rimanere aperta fino a domenica. Una formula diversa rispetto agli anni precedenti che aveva il suo elemento innovativo proprio nel padiglione del gusto.

A spiegare i motivi che si celano dietro la questione è l’assessora alle Attività produttive Angela Mazzola: «Tra interno ed esterno avevamo intenzione di fare due eventi separati che avrebbero fatto da volano reciproco l’uno con l’altro, ma purtroppo gli ambulanti hanno deciso di boicottare l’iniziativa». Preso atto della decisione a saltare è anche tutta l’organizzazione di contorno all’evento, che prevedeva anche una collaborazione con l’azienda municipale trasporti e le guide turistiche. «Volevamo convogliare i visitatori della città in questa area fieristica ma evidentemente Catania non è ancora pronta – spiega Mazzola -. L’amministrazione ha messo in campo tutto il possibile, scommettendo in uno sviluppo reale per dare un’opportunità a questi operatori». 

Tra gli ambulanti a prevalere sarebbe stata quindi la volontà di stare vicini alla festa. «Gli operatori non ci hanno creduto perché il sito era lontano, dovevano essere 60, solo in 20 hanno montato per poi decidere di andare via», racconta Arturo Coglitore, presidente di Fiva Confcommercio, sindacato che rappresenta gli espositori itineranti. «Noi ci credevamo e l’assessora Mazzola ha dato grande disponibilità ma lo stesso sentimento non c’è stato tra i commercianti. Per il prossimo anno possiamo già dire che la fiera di Sant’Agata si può fare solo alla villa Bellini altrimenti possiamo anche cancellarla dal programma». 


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]